Caso Ream, chiesti 14 mesi per Appendino

Falso e abuso l'accusa. Difesa

(ANSA) – TORINO, 6 FEB – La Procura di Torino ha chiesto la condanna a un anno e due mesi di carcere per la sindaca Chiara Appendino al processo per il caso Ream. L’imputazione è falso e abuso. Il procedimento si celebra col rito abbreviato. Un anno e due mesi è stata anche la richiesta per l’assessore al Bilancio, Sergio Rolando. Un anno, invece, è stata la proposta per Paolo Giordana, all’epoca dei fatti capo di gabinetto. Per il dirigente Paolo Lubbia, che ha scelto il rito ordinario, è stata ribadita la richiesta di rinvio a giudizio. "Sono stata qui solo per ascoltare la pubblica accusa. Era giusto esserci", si è limitata a dire Appendino lasciando il Palazzo di Giustizia. "Restiamo convinti delle nostre tesi. Le esporremo al giudice delle prossime udienze", ha commentato l’avvocato Luigi Chiappero, difensore della sindaca.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.