Catalfo, dopo cuneo ora salario minimo

Italia indietro rispetto ad altri Paesi

(ANSA) – MILANO, 25 GEN – "Abbiamo inserito già nella nota di aggiornamento al Def alcuni punti salienti, uno è il salario minimo: cioè dare un salario dignitoso a tutti coloro che hanno delle retribuzioni troppo basse. E parliamo di cinque milioni di lavoratori che faticano a fine mese". Lo ha detto la ministra del lavoro, Nunzia Catalfo, a margine di un incontro per la presentazione del libro "Salari da fame". "Quindi è giusto – ha affermato – che, insieme al decreto appena approvato sul cuneo fiscale, si pensi anche a un’iniziativa sul salario minimo". Si tratta, ha spiegato, di un intervento normativo "in linea con quello che si sta discutendo in questo momento in Europa. L’Italia è indietro rispetto ad altri Paesi: noi abbiamo una forte depressione salariale, – ha insistito Catalfo – 5 milioni di lavoratori poveri, una stagnazione salariale importante".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.