Cattaneo: «Fondi per il progetto della Tremezzina. L’aiuto svizzero su AlpTransit? Decideremo noi»

L’assessore regionale alle Infrastrutture
Non solo galleria di Valsolda. Ma anche variante della Tremezzina, AlpTransit e un commento sulle ultime vicende giudiziarie che stanno travolgendo altri esponenti della giunta Formigoni. Raffaele Cattaneo, assessore regionale a Infrastrutture e Mobilità, ha parlato a tutto campo in occasione dell’inaugurazione del tunnel.
«La realizzazione della variante della Tremezzina rimane in cima all’agenda infrastrutturale della giunta regionale. A giugno è stato infatti approvato il progetto
preliminare (un unico lotto da Colonno a Griante), con un costo complessivo di 330 milioni di euro – ha detto – Ora siamo pronti per il progetto definitivo che costerà 2,2 milioni di euro». Somma che Regione Lombardia cofinanzierà con 1,6 milioni. Altri 350mila euro verranno messi a disposizione dalla Provincia di Como e i rimanenti 250mila dalla Camera di Commercio di Como. Anche l’amministratore unico di Anas, Pietro Ciucci, ha ribadito la necessità di puntare, nell’immediato futuro, su quest’opera.
Tornando alla galleria della Valsolda, invece, l’assessore è stato chiaro: «La Svizzera e l’Italia, da oggi, sono un po’ più vicine e di questo ne trarranno beneficio innanzitutto le migliaia di frontalieri che ogni giorno si spostano per andare a lavorare in Ticino, i turisti e le imprese – ha detto l’assessore – Oggi consegniamo al territorio un’opera voluta e fortemente attesa sia dalla parte italiana che da quella svizzera».
Altro argomento affrontato dall’assessore regionale è l’offerta arrivata dal governo federale svizzero che si è detto pronto ad aiutare l’Italia cofinanziando con 230 milioni di franchi (190 milioni di euro) il potenziamento dei binari a sud di AlpTransit, verso Milano e verso Luino-Gallarate. «Tutto ciò che può migliorare la connessione con il Gottardo è benvenuto – ha detto Raffaele Cattaneo – Va però specificato come ogni singolo intervento da farsi in Lombardia dovrà essere deciso ovviamente da noi e non da altri. Comunque nei prossimi giorni incontrerò le autorità svizzere quando verranno a vedere i lavori della linea Saronno-Seregno, opera che stiamo realizzando proprio per collegarci al Gottardo».
Inevitabile parlare delle ultime vicende giudiziarie che hanno portato all’arresto, ieri, dell’assessore regionale alla Casa, Domenico Zambetti. «È un fatto grave. Ho conosciuto un altro assessore Zambetti. Una persona con la quale pochi giorni fa illustravo, sul territorio, gli interventi per aiutare chi non riesce a pagare il mutuo o l’affitto – spiega l’assessore Cattaneo – L’arresto mi ha colpito e addolorato. Spero si dimostri la sua totale estraneità altrimenti sarebbe un fatto gravissimo. La ’ndrangheta va combattuta e tenuta lontana dalla Lombardia».
Infine un riferimento alle polemiche scoppiate dopo il messaggio che pochi giorni fa l’assessore Cattaneo aveva postato su Twitter, dove si dichiarava indignato per i tagli del Governo che porterebbero a una riduzione drastica dell’indennità a «soli 8mila euro al mese».
«La mia era una provocazione – ha sottolineato Cattaneo – Non volevo assolutamente difendere un privilegio».

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
L’assessore regionale Raffaele Cattaneo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.