Centro vietato agli artisti di strada. Nuova ordinanza sulla sicurezza per gli eventi del Natale a Como

Polizia locale Como

Centro storico di Como vietato agli artisti di strada. È la linea decisa da Palazzo Cernezzi per musicisti, giocolieri e in generale le performance degli artisti che si esibiscono nelle piazze e strade del salotto buono di Como.
L’oggetto dell’ordinanza, «contingibile e urgente» (termini che nel gergo burocratico indicano un provvedimento da prendere in casi che sono ritenuti eccezionali e di particolare gravità) sono «le misure a favore dell’incolumità pubblica, limitazioni all’esercizio dell’arte di strada in centro storico per gli eventi delle festività natalizie».
Il provvedimento, a firma del sindaco di Como Mario Landriscina, entrerà in vigore da domani e sarà valido fino al termine delle festività natalizie, il 6 gennaio, esclusi i giorni 27 e 28 dicembre e il 2, 3, 4 gennaio. Le vie interessate sono quelle più affollate di passanti, e non solo durante le festività natalizie: via Vittorio Emanuele ossia la “vasca” del centro, piazza San Fedele e via Indipendenza, l’area di piazza Duomo con le vicine piazza Verdi, via Pretorio e via Maestri Comacini, via Luini, via Boldoni, via Rusconi, via Plinio, piazza Grimoldi, piazza Cavour e piazza Volta con la via Fontana che le collega.
L’obiettivo è garantire una maggior sicurezza per cittadini e turisti nelle piazze comasche durante i giorni di grande affollamento per lo shopping e gli eventi legati al Natale.
Nell’ordinanza si legge: «Rilevato che la zona a traffico limitato della Città Murata è assiduamente frequentata da soggetti che in corrispondenza di attività commerciali, monumenti e nei luoghi ad alta attrattività turistica, occupano porzioni di suolo pubblico per eseguire intrattenimenti e considerato che il fenomeno si manifesta in maniera consistente all’interno delle aree più affollate del centro storico, si ritiene di vietare l’esercizio dell’arte di strada limitatamente alle aree del centro storico e nei giorni di maggior afflusso».
La violazione del provvedimento comporterà una sanzione amministrativa da 25 a 500 euro. La decisione è stata presa alla luce dei dati emersi durante il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che ha rilevato un afflusso straordinario di turisti e visitatori nelle strade del centro storico nel corso dei fine settimana di dicembre che ha sollecitato una particolare attenzione verso le misure di sicurezza.
Tenuto conto di quanto accertato dalle forze dell’ordine nei servizi di presidio nelle zone interessate dalla “Città dei Balocchi”, la presenza degli artisti di strada rappresenterebbe quindi una fonte di rischio per la gestione dei flussi di persone, ostruiti dagli assembramenti di quanti si fermano per assistere alle esibizioni, con il pericolo di creare intralcio alle vie di fuga del centro storico.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.