Chiedono asilo,  “respinti ” da Lambrugo
Senza categoria

Chiedono asilo, “respinti ” da Lambrugo

Il sindaco: «Non si può delegare tutto ai Comuni»

Meglio sgomberare subito il tavolo da possibili equivoci. Qui non siamo a Gorino, nel Ferrarese, nessuno ha fatto le barricate per non fare arrivare i profughi. Qui siamo a Lambrugo, paese brianzolo di 2.400 anime, dove in questi giorni erano attesi 6 chiedenti asilo. I primi 6 nella storia recente di Lambrugo.
L’annuncio era stato dato martedì, al telefono dal prefetto di Como, Bruno Corda, al primo cittadino Giuseppe Costanzo. Costanzo, 37 anni, è da quattro alla guida del paese con una lista civica “Progetto per Lambrugo” che definisce equidistante da centrodestra, centrosinistra e dalla Lega.
Il sindaco ha deciso di mettere su Facebook, sul suo profilo personale la notizia. Apriti cielo. E mentre i residenti iniziavano a commentare, il sindaco è andato a fondo della questione.
«I sei chiedenti asilo avrebbero dovuto alloggiare in un appartamento di un palazzo in centro di fronte alla biblioteca – spiega Costanzo – Si tratta di una casa di sette piani dove vivono già trenta famiglie. L’accordo era tra una cooperativa e il proprietario dell’appartamento. Non credo che questo sia il modo di accogliere le persone».
E spiega il senso di questa affermazione.
«Servono strutture idonee. Io ho detto subito che sarei andato a verificare le condizioni di sicurezza – aggiunge infatti – gli spazi a disposizione dei chiedenti asilo e che avrei vigilato ogni giorno sulle condizioni di questi ospiti, su come la cooperativa avrebbe pensato al necessario».
L’attivismo del primo cittadino e l’insurrezione social ha fatto sì che il proprietario dell’appartamento tornasse sui suoi passi.
«Domani lo incontrerò comunque – spiega il sindaco – Anche se il problema ora è superato».
Al sindaco non sono però piaciute le modalità con cui si è deciso di inviare a Lambrugo gli asilanti.
«Ho ricevuto una telefonata di due minuti – dice – Il giorno successivo ho chiamato in Prefettura e parlato con il capo di gabinetto. Si mettono i sindaci attorno a un tavolo per questioni di viabilità, perché non farlo anche per l’accoglienza dei profughi?».
«Il governo italiano – prosegue – non può gestire in questo modo l’accoglienza degli immigrati. In un paese piccolo si devono risolvere problemi ogni giorno con risorse sempre minori. Quello dei chiedenti asilo va affrontato a livello nazionale, anzi europeo».
A Lambrugo nessuno ha fatto le barricate come a Gorino, ma il risultato è stato lo stesso. I chiedenti asilo non arriveranno. E siamo pronti a scommettere che questa notizia farà rumore. Verrà cavalcata dalla politica. Anche ieri la Lega ha manifestato a Como contro i clandestini, con un presidio ai giardini dell’ex Zoo.
Paolo Annoni

11 Marzo 2017

Info Autore

Paolo

Paolo Annoni pannoni@corrierecomo.it


Ultime news
    Archivio
    Dicembre: 2018
    L M M G V S D
    « Nov    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Numeri utili
    NUMERO UNICO DI EMERGENZA
    numero 112 lampeggianti
    farmacia Farmacie di turno farmacia

    ospedale   Ospedali   ospedale

    trasporti   Trasporti   trasporti
    Colophon

    Editoriale S.r.l.
    Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
    Tel: 031.33.77.88
    Fax: 031.33.77.823
    Info:redazione@corrierecomo.it

    Corriere di Como
    Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
    ROC 5370

    Direttore responsabile: Mario Rapisarda

    Font Resize
    Contrasto