CI FREGANO ANCHE LA POLENTA

polentaA Villa d’Este la denuncia di Coldiretti
Dal “parmesano” dell’Uruguay alla “mortadela” brasiliana, dalla “palenta” rumena ai “chapagetti” coreani.
La gastronomia made in Italy è sempre più vittima di scopiazzature e imitazioni che costano alle aziende del nostro Paese ben sessanta miliardi di euro.
È quanto denunciato ieri da Coldiretti a Villa d’Este, durante il Forum Internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.