Ciad: violenze etniche nel sud, almeno 22 morti

Tra pastori nomadi e agricoltori sedentari

(ANSA) – N’DJAMENA, 28 NOV – Almeno 22 persone sono state uccise nel sud del Ciad, nell’ultimo caso di violenza etnica tra pastori nomadi e agricoltori sedentari. Lo ha reso noto ieri sera il ministero delle Comunicazioni del paese dell’Africa centrale. Il coprifuoco è stato imposto nella regione di Kabbia dove si sono svolti i combattimenti e 66 persone sono state arrestate dopo i fatti avvenuti lunedì e martedì scorsi, spiega il ministro e portavoce del governo Cherif Mahamat Zene. Il fattore scatenante della violenza è stato il furto di bestiame. Gli scontri hanno provocato 11 morti su ciascun lato e altri 34 feriti. Diversi villaggi sono stati incendiati, ha aggiunto. Le tensioni tra agricoltori indigeni stanziali e pastori arabi nomadi nell’arido Sahel ribolliscono da anni, sfociando occasionalmente in scontri mortali. La maggior parte delle violenze segue un copione simile: i pastori, a volte attraversando il confine dal Sudan, guidano il loro bestiame nei campi degli agricoltori danneggiando i raccolti e innescando uno scontro tra le comunità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.