Cile: poliziotto uccide un giocoliere, residenti inferociti

'Legittima difesa'. Ma la folla incendia l'edificio del Comune

(ANSA) – SANTIAGO DEL CILE, 07 FEB – Un agente di polizia ha ucciso in un episodio dai contorni poco chiari un giovane giocoliere a Panguipulli (Cile meridionale) che apparentemente aveva opposto resistenza a una richiesta di identificazione formale e, per l’indignazione suscitata, una folla di persone ha incendiato l’edificio sede del Comune. Lo riferisce Radio BioBio di Santiago. Il giovane, Francisco Andrés Martínez Romero di 27 anni, come ogni anno d’estate si era trasferito dalla capitale cilena a Panguipulli dove si guadagnava da vivere facendo il giocoliere con delle scimitarre, a quanto sembra semplici giocattoli, o lavori di artigianato. Ieri sera però, un gruppo di Carabineros in servizio di sicurezza hanno chiesto a Martínez di mostrare i suoi documenti. Il giovane ha risposto di non averli con sé ma di essere pronto a fornire il numero di identità, ma gli agenti gli hanno ingiunto di seguirli al commissariato. Secondo un testimone il giocoliere avrebbe opposto resistenza e minacciato con una delle scimitarre un agente che, impaurito, avrebbe estratto l’arma di ordinanza, sparando prima al suolo, poi alle gambe del giovane e quindi al petto, uccidendolo. Di fronte all’accaduto, un gruppo di residenti ha manifestato per protestare contro quello che ha definito "un omicidio volontario" da parte delle forze dell’ordine, giungendo anche ad incendiare l’edificio del Comune. In un comunicato i vertici dei Carabineros hanno sostenuto che l’agente Juan Guillermo González "ha agito per legittima difesa", ma un magistrato ne ha disposto la carcerazione preventiva con l’accusa provvisoria di "omicidio con arma da fuoco". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.