Cinema Astra a un passo dalla chiusura

© | L'Astra, ultimo cinema del centro cittadino (foto Nassa)

© | L'Astra, ultimo cinema del centro cittadino (foto Nassa) © | L’Astra, ultimo cinema del centro cittadino (foto Nassa)

Rischio chiusura per l’ultimo cinema del centro cittadino. Salvo clamorose novità, l’Astra di viale Giulio Cesare si appresta a vivere la sua ultima stagione. Poi calerà il sipario. Anche perchè la programmazione attuale e il tradizionale cineforum – oltre 600 gli iscritti – che debutta la prossima settimana hanno già concretamente rischiato di non di partire in questi ultimi giorni. Alla base della spiacevole decisione, secondo i gestori, il costo eccessivo del canone d’affitto della struttura che ospita la sala cinematografica. A spiegare nel dettaglio quanto sta accadendo è don Tiziano Raffaini, direttore dell’ufficio spettacolo e cinema della Diocesi di Como, che gestisce la sala. «Si tratta di una situazione difficile. Onestamente i costi dell’affitto sono assolutamente fuori mercato per noi, come ufficio cinema. Sinceramente più volte in passato abbiamo cercato di parlare con don Christian Bricola (parroco di San Bartolomeo, che detiene l’immobile) per trovare un’intesa, ma senza esito. Per quest’anno abbiamo ottenuto una riduzione del costo, ma non servirà per il futuro. Il destino del cinema Astra, a queste condizioni, è segnato. E porterà alla chiusura della sala».
Le idee lanciate da don Raffaini sono molteplici e sempre improntate al tentativo di salvataggio dell’ultima sala cinematografica cittadina, che attrae da sempre un pubblico di appassionati. A partire dalla proposta di ottenere un canone sensibilmente ridotto per almeno 4 anni con l’intesa futura di lasciare in dotazione alla parrocchia di San Bartolomeo i macchinari e quanto oggi presente nel cinema, che passerebbe di gestione. Ipotesi che però non sembra essere stata accolta.
«Purtroppo, a queste condizioni, noi abbiamo già dato la disdetta del contratto e quindi la strada, nonostante quest’ultima stagione al via, sembra segnata. La speranza è che qualcosa possa mutare, anche se abbiamo notizie di come dall’altra parte stiano già valutando la cessione dell’immobile», spiega sempre don Tiziano. Un tentativo dunque di monetizzare il più possibile dalla vendita dell’edificio, anche per far fronte alle spese per l’oratorio di San Bartolomeo. «Non voglio dare giudizi di merito, ma il dispiacere è grande nel vedere come non si voglia cercare una soluzione in grado di far vivere un servizio apprezzato dai cittadini e rimasto unico in città», aggiunge don Tiziano Raffaini.
Intanto da lunedì, come detto partirà il cineforum – ancora disponibili dei posti per le 4 proiezioni ogni 2 giorni previste dal programma – e il normale cartellone che in passato ha portato nel cinema di viale Giulio Cesare più di 30mila spettatori nel 2014 e sopra i 20mila nel 2015.
«Un calo che evidenzia anche il perdurare della crisi. Anche l’imminente apertura di un altro cinema a Camerlata non è da considerarsi come in opposizione all’Astra, perchè i film proiettati e il cineforum vanno a intercettare un pubblico che generalmente non vede pellicole da grande multisala. Sono molto amareggiato per la situazione», chiude don Raffaini, che annuncia anche come, per far fronte alla situazione, il prezzo del biglietto andrà lievemente ritoccato verso l’alto (da 7 euro a 7,50 l’intero e da 5 a 6 euro il ridotto).
Il tempo dunque sembra essere sfavorevole per il destino futuro dell’Astra vista l’intenzione di vendere l’immobile, anche se il tentativo è quello di andare avanti.
«Si dovrebbe cercare di sensibilizzare i comaschi. Far capire loro come si andrà a perdere un valore per la città. Un luogo di cultura, rimasto ormai anche l’unico per quanto riguarda il cinema», dice don Tiziano, che lancia la proposta di un campagna di foundraising (una raccolta fondi) o di crowdfunding «nel caso in cui la situazione dovesse volgere rapidamente al peggio come ormai probabile», spiega, ricordando come il cinema Astra sia stata anche la prima sala nel comasco a passare al digitale.

Articoli correlati