Cinghiali, Turba: “Scarsa collaborazione dal governo”

Fabrizio Turba

Il sottosegretario di Regione Lombardia con delega ai Rapporti con il Consiglio regionale, Fabrizio Turba ha espresso ieri solidarietà nei confrotni di una famiglia di Blevio “assediata” da un branco di cinghiali che soggiorna nel giardino di casa.

“Esprimendo la massima solidarietà alla famiglia di Blevio. Sono a conoscenza del fatto che l’assessore all’Agricoltura Fabio Rolfi si sia già sentito telefonicamente con il sindaco Alberto Trabucchi – scrive Turba – La presenza dei cinghiali, soprattutto per il territorio comasco, è un grosso problema ma Regione Lombardia è da tempo impegnata per una risoluzione, comunque oggettivamente difficile. Tra le iniziative più importanti introdotte dal collega Rolfi, certamente quella di dare piena attuazione alla nuova legge regionale che prevede la possibilità di effettuare la caccia di selezione al cinghiale durante tutto l’anno anche nelle ore serali con visore notturno e che ha diversificato anche il periodo relativo alla caccia di selezione per altri ungulati”.

“È stata introdotta anche la possibilità di utilizzare la tecnica del foraggiamento – aggiunge il sottosegretario della Lega – ossia il posizionamento di piccole quantità di cibo per attirare il cinghiale. La Lombardia, anche con questo importante intervento, ha dimostrato con i fatti di essere all’avanguardia nazionale nella gestione della fauna selvatica. Tema sul quale invece il Governo non sembra essere sensibile. Dobbiamo purtroppo constatare la scarsa collaborazione dell’Esecutivo che oltre a non supportare la Regione in questa importante battaglia, ci mette anche il bastone tra le ruote, decidendo di impugnare proprio la nuova legge regionale lombarda per il contenimento del cinghiale. Una scelta folle che dimostra quanto sia contro i Lombardi. È invece importante che anche su tale tema ci sia collaborazione istituzionale e la medesima sensibilità, mi auguro quindi che il Governo abbia in futuro un atteggiamento diverso. In ultimo, come nota informativa, voglio sottolineare l’importanza per i cittadini di interfacciarsi anche con la Polizia provinciale, ente preposto per la gestione di tale problema”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.