Cinque anni di botte a papà e mamma: il figlio nei guai. I genitori non lo denunciavano per paura che finisse in carcere

Como Tribunale Palazzo di giustizia

Cinque anni di botte al padre e alla madre anche – in più occasioni – brandendo coltelli per minacciarli. Una impunità che beneficiava del fatto che i genitori, per non vedere il figlio in carcere, preferivano non denunciare quello che avveniva tra le mura domestiche, chiudendo gli occhi di fronte alle continue angherie. Alla fine tuttavia la Procura è venuta a conoscenza della vicenda che riguardava la famiglia di Mariano Comense, aprendo una indagine per maltrattamenti in famiglia che si è chiusa in queste ore con l’iscrizione sul registro degli indagati del figlio, un 37enne.
L’articolo completo sul Corriere di Como in edicola oggi, venerdì 26 aprile

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.