Cinque anni fa l’attacco a Charlie Hebdo

Nell'attentato morirono 17 persone

(ANSA) – PARIGI, 7 GEN – Diciassette morti e l’inizio di un anno nero per la Francia: 5 anni dopo l’assalto jihadista che decimò la redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo, la Francia ricorda l’attentato che diede il via a una lunga serie nera, culminata pochi mesi dopo – a novembre del 2015 – nella strage dei bistrot parigini e del Bataclan. Ad aprire il fuoco durante la riunione di redazione del giornale furono i fratelli jihadisti Cherif e Said Kouachi, che uccisero le 12 persone presenti, giornalisti, operatori, invitati, poliziotti. Fuggirono gridando "abbiamo vendicato il profeta Maometto! Abbiamo ucciso Charlie Hebdo!". Morirono, in quell’assalto, firme popolarissime come Charb e Wolinski. Quarantotto ore dopo, la caccia all’uomo si concluse in una tipografia della banlieue dove i Kouachi furono uccisi dalle forze speciali. Nelle stesse ore, un complice, Amedy Coulibaly, colpì la comunità ebraica prendendo degli ostaggi nel supermercato Hyper Cacher alle porte della capitale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.