Cirio ‘accuse Rosso vomitevoli, tradito’

Governatore difende Regione e ringrazia magistratura

(ANSA) – TORINO, 23 DIC – "La tipologia d’accusa che ha colpito Roberto Rosso è la peggiore, è abominevole, qualcuno ha detto vomitevole, condivido". Il governatore del Piemonte, Alberto Cirio, ha aperto così le comunicazioni al Consiglio regionale sull’arresto di Roberto Rosso con l’accusa di voto di scambio politico-mafioso. "Sono stato male in questi giorni. Se le accuse saranno confermate Rosso non ha fatto male solo a se stesso, ma al concetto di rappresentanza, alle istituzioni, alla democrazia. Una notizia che mi ha fatto male, mi ha fatto sentire tradito", ha aggiunto dicendosi "arrabbiato" perché "siamo gente per bene". Nel suo intervento il governatore ha difeso l’istituzione – "il governo regionale non ha colpe" – e ha anche lanciato un monito – "la mafia ce l’abbiamo di fianco, non riusciamo a difenderci" – ringraziando la magistratura "per averci aiutato a fare pulizia". "Alla magistratura dobbiamo chiedere indicazioni e modelli – ha concluso – per salvaguardare le istituzioni".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.