Città paralizzata, le auto invadono Como

Traffico a Como

Città paralizzata. Un fiume ininterrotto d’auto ha letteralmente invaso ogni via d’accesso al centro fin dalle prime ore del pomeriggio di ieri. E anche questo lungo weekend prenatalizio, complice la festività dell’Immacoalta, è partito con il tutto esaurito in città e con il sistema viario andato in tilt. Il richiamo delle manifestazioni natalizie in centro – ieri pomeriggio c’è stata anche l’accensione dell’albero di Natale in piazza Grimoldi – ha spinto troppe persone a utilizzare l’auto anzichè trovare mezzi alternativi.
E così lungo la tangenziale, in via Varesina, lungo viale Lecco e viale Varese e ovunque ci si girasse un’interminabile coda di veicoli e di luci rosse degli stop a fare da sfondo alle decorazioni natalizie. In centro città, per chi è riuscito a trovare un parcheggio, altro pienone con le vie invase da turisti e comaschi in caccia dei regali e attratti dai giochi di luce che stanno spingendo sempre più persone a visitare Como.
La situazione è rimasta caotica per gran parte del pomeriggio e fino a sera con serpentoni di auto e guidatori provati dall’attesa snervante. Le alternative all’uso della macchine, elaborate dal Comune di Como per ora non sembrano funzionare, o almeno non sembrano incontrare il favore delle persone in arrivo. Tra le offerte la promozione in Val Mulini che è stata modificata rispetto al passato. Fino al 7 gennaio si applicherà la tariffa di un euro per il parcheggio tutto il giorno, comprensiva di due biglietti gratuiti dell’autobus di andata e ritorno in centro validi per il conducente e per un passeggero (in passato era previsto un solo biglietto). Gli altri eventuali passeggeri potranno acquistare direttamente al parcheggio il biglietto dell’autobus a/r agevolato alla tariffa di 1,30 euro. A tariffa agevolata anche il parcheggio di Grandate con la possibilità di arrivare in treno in città.

Articoli correlati