Cittadella dei servizi nella caserma De Cristoforis, parcheggi e mezzi pubblici da potenziare

La caserma De Cristoforis a Como

Como e i parcheggi, un binomio indissolubile. Una specie di mantra che quando si affronta un qualsivoglia problema legato alla città, ritorna sempre a galla. In tutte le realtà metropolitane ci sono problemi legati ai posti auto magari non sempre sufficienti ma mai come nel capoluogo lariano questa cronica mancanza di stalli viene evidenziata. E così anche nel futuro progetto della cittadella dei servizi all’intero della caserma De Cristoforis, il primo nodo da sciogliere sarà proprio quello dei posti auto. Impensabile insediare gli uffici di diversi enti in una zona dove si fa fatica a trovare parcheggio. «L’idea è valida e ha sicuramente un suo fascino. Speriamo possa avere un futuro solido – interviene Mario Lavatelli, presidente di Acus – Ma è vitale creare parcheggi. Innanzitutto andrebbe aperta la caserma. Gli ampi spazi presenti all’interno potrebbero essere organizzati in modo tale da creare anche un certo numero di posti auto di partenza». Un passaggio doveroso ma non sufficiente. «Si dovrebbe poi fare una ricognizione lungo il perimetro della caserma dove si potrebbero ricavare altri parcheggi. L’area è ampia ma oggi in alcuni punti è trascurata e non ben tenuta. Intervenendo con una riorganizzazione si potrebbero avere risultati. Ovviamente sarebbe necessario indire una conferenza dei servizi per far sedere a un tavolo tutti i soggetti interessati», conclude Lavatelli. Decisivo ovviamente un coinvolgimento di Asf, azienda che cura il servizio di trasporto pubblico. «Ad oggi non siamo ancora stati coinvolti da parte del Comune – fanno sapere dall’azienda del trasporto pubblico – ma sicuramente siamo pronti a sederci a un tavolo per affrontare una discussione complessiva che dovrà naturalmente prendere in esame un ripensamento dei collegamenti che gravitano sulla zona della caserma. Attualmente da lì transitano le linee 6 e 11 e nelle vicinanze la linea 7».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.