Classiche-monumento di ciclismo: la Milano-Sanremo passa il testimone al “Lombardia”

Milano Sanremo 2020 Vittoria Wout Van Aer

«Avevamo grandi responsabilità e possiamo dire che è andato tutto bene grazie ad un bel lavoro di squadra». Paolo Bellino, amministratore delegato di Rcs Sport, si è così espresso nel corso della diretta televisiva di ieri della Milano-Sanremo, la prima “classica-monumento” del ciclismo tornata ad essere disputata dopo lo stop completo per l’emergenza Coronavirus.
La corsa è stata seguita anche da Como, a una settimana di distanza dall’arrivo in città del Giro di Lombardia, programmato nel giorno di Ferragosto in questo anno agonistico anomalo in cui i calendari dello sport del pedale sono stati completamente ridisegnati. Rcs Sport prima della gara di ieri aveva avuto un rodaggio, con i nuovi protocolli, il 1° agosto con la Strade Bianche in Toscana e il 5 con la Milano-Torino.
Tre prove di alto livello che hanno fornito indicazioni utili in vista dell’evento del giorno di Ferragosto che vivrà l’epilogo sulle rive del Lario.
Il tutto sarà al centro di un confronto con le istituzioni e gli organizzatori locali, con gli aggiornamenti del nuovo decreto di Palazzo Chigi da applicare eventualmente proprio per il Giro del Piemonte (programmato per mercoledì) e per il “Lombardia” di sabato, che scatterà da Bergamo e che terminerà dopo le 18 a Como con il passaggio da Ghisallo, Muro di Sormano, Colle di Civiglio e Valfresca.
Una corsa che si annuncia appassionante anche sotto il profilo agonistico, come del resto è stata la Milano-Sanremo di ieri, che ha visto il successo finale del belga Wout Van Aert, grande favorito della vigilia, che ha bissato l’affermazione ottenuta alle Strade Bianche superando, dopo una fuga a due, il francese Julian Alaphilippe. Quest’ultimo, primo a Sanremo nell’edizione 2019, ha tenuto a sottolineare che vorrà prendersi la rivincita proprio sul traguardo di piazza Cavour. «Questo secondo posto è comunque un buon segnale – ha spiegato – in vista del “Lombardia” e del successivo Tour de France».
Alle spalle di Van Aert e Alaphilippe è giunto l’australiano Michael Matthews; quarto posto per lo slovacco Peter Sagan e quinto per il velocista Giacomo Nizzolo, che è risultato il migliore degli italiani.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.