Clooney fa volare il “marchio” Laglio. Ora vale 70 milioni più che nel 2003 «Ma i prezzi delle case sono impossibili»

alt

Effetto Lariowood
Una ricerca conferma: grazie a George, il borgo ha messo le ali

Dall’arrivo di Clooney, il “marchio” Laglio, paese di 923 anime, vale ben 50 milioni di euro in più. È quanto emerge da uno studio fatto dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza, che ha calcolato come il piccolo paese sul Lago di Como abbia guadagnato il 178,4% del valore del suo brand proprio grazie alla presenza dell’attore.
Da quando, nel 2003, il divo americano scelse Villa Oleandra come sua dimora estiva, il paese è diventato noto in tutto il mondo. L’alto valore del “marchio”

del borgo sulla sponda occidentale del lago, incrementato proprio grazie alla presenza illustre, ha provocato inevitabilmente anche l’aumento del valore degli immobili e ha cambiato il marketing del territorio.
La conferma dei dati arriva dallo stesso sindaco di Laglio, Roberto Pozzi, che afferma: «Dal 2003, i riflessi economici dovuti alla permanenza di Clooney in paese si sono avvertiti per tutto il Lago di Como».
Se, da una parte, l’arrivo dell’attore ha fatto registrare un aumento del 40% dei turisti italiani e stranieri di passaggio, soprattutto nel weekend, dall’altra, l’aumento del valore degli immobili rappresenta un vantaggio.
«Tutto questo si ottiene se fa della semplice matematica – ha aggiunto Pozzi – ma c’è anche il rovescio della medaglia».
Infatti, il raddoppio dei costi delle case e degli appartamenti a Laglio ha favorito «chi aveva delle proprietà e le ha vendute – ha sottolineato il primo cittadino – Ma per i figli dei lagliesi è diventato praticamente impossibile rimanere a vivere nel paese d’origine».
«Non tutti – ha aggiunto il primo cittadino del borgo rivierasco – si possono permettere di acquistare immobili a 4.500 euro al metro quadro, preferendo magari spostarsi verso la Bassa comasca, dove i prezzi sono sicuramente più accessibili».
A riempire le casse del Comune, comunque, hanno contribuito i magnati russi e arabi, che, sull’esempio dell’attore americano, comprano e ristrutturano antiche ville sul lago. È il caso dell’acquisto di villa “La Punta”, costata al banchiere russo Igor Kogan ben 12 milioni, e della vendita dell’ex Albergo Savoia a Brienno al figlio del primo ministro libanese, Saad Hariri.
Queste operazioni immobiliari sono state definite dal sindaco «interventi che altrove sono difficilmente ipotizzabili e dai quali il Comune ha tratto enormi benefici».
«Con i soldi ricavati – ha precisato Pozzi- abbiamo potuto fare investimenti per riqualificare il nostro asilo nido, la sede del municipio, i parchi pubblici e il manto stradale».
Il divo di Hollywood attira molti fan e curiosi, che arrivano in paese per fare qualche fotografia. Lo assicura anche il titolare del Bar Lanterna, Nearco Folloni, che afferma di «incontrare molte persone che entrano nel bar per chiedere dove si trovi la casa di Clooney», sebbene difficilmente i turisti sostino o consumino all’interno del locale. Per questo motivo, il barista afferma «di non aver tratto vantaggi in termini economici dalla presenza dell’attore». Chi può dire di aver avuto qualche beneficio è l’idraulico del paese, Dante Pennè, «chiamato spesso per effettuare qualche intervento all’interno dell’Oleandra». Da dietro il bancone della sua cartoleria, Angela Federico dichiara che «i ricavi potrebbero essere maggiori se i proprietari delle nuove case si trasferissero qui per tutti i mesi dell’anno». La signora sottolinea inoltre l’aspetto negativo dell’innalzamento dei prezzi delle case che «non giova a noi semplici cittadini». In occasione della 70esima Mostra del cinema di Venezia, che sarà inaugurata il 28 agosto proprio con la proiezione del film “Gravity”, che lo vede protagonista insieme a Sandra Bullock, George Clooney è atteso sulle rive del Lario, certo dell’accoglienza che il paese gli riserverà.

Giorgia Amarotti

Nella foto:
George Clooney in una rara foto scattata all’interno della sua dimora di Laglio. L’abitazione dell’attore americano è diventata una vera attrazione turistica per il paese

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.