Comaschi coinvolti nel caos dei cieli. La decisione di Ryanair crea problemi
Cronaca, Economia

Comaschi coinvolti nel caos dei cieli. La decisione di Ryanair crea problemi

Sempre più passeggeri a terra. La comunicazione di Ryanair di voler cancellare, in Europa, fino a 50 voli al giorno con l’obiettivo di “migliorare il tasso di puntualità dei viaggi” sta infatti rendendo molto complesso alzarsi in volo, se non ricorrendo, tra mille peripezie, ad altre compagnie.
I disguidi aumentano anche perché da sempre la compagnia irlandese è una di quelle che riesce a garantire i prezzi più bassi, attirando quindi molti viaggiatori. E la confusione generata da questa decisione che sarebbe giustificata dalla necessità di smaltimento delle ferie del personale a causa del cambiamento di calendario lavorativo, si fa sentire anche a Como.
«In effetti i disagi sono molteplici – fanno sapere da Frigerio Viaggi – In molti avevano prenotato voli poi cancellati e ovviamente il nostro compito è riuscire a risolvere il problema cercando di trovare altre soluzioni che non incidano troppo sul costo finale del viaggio».
In Italia, in base a una prima valutazione, verranno cancellati 702 voli, ossia il 35% di quanti ne vorrebbero tagliare in tutto il mondo, pari a 2mila voli. «Adesso e anche per tutto il mese di ottobre, ovviamente, dirotteremo i nostri clienti su altri vettori per impedire che possano ripetersi i problemi avuti con chi aveva già prenotato prima della decisione di Ryanair – proseguono da Frigerio Viaggi – I problemi li hanno avuti in molti che, dovendo necessariamente fare un viaggio in una data precisa, si sono ritrovati a dover spendere decisamente di più rispetto al biglietto originario. Noi forniamo assistenza per ottenere il rimborso». Intanto in mezzo a questa selva di voli cancellati e viaggiatori infuriati si stanno muovendo anche le associazioni a tutela dei consumatori, come l’Unione Nazionale Consumatori, che ha domandato a Enac e al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti di convocare la compagnia aerea per accertare se le cancellazioni previste in Italia sono tutte indispensabili. «Fortunatamente al momento non abbiamo nostri clienti a terra per colpa di Ryanair – dicono da Viaggi Ronchi – Sono però diverse le persone che ci hanno contattato per avere informazioni vista la confusione che si è creata in queste ultime ore tra i passeggeri in partenza».
I più esposti rimangono, in questa situazione di incertezza, i passeggeri che hanno deciso di prenotare i voli on line.
«In effetti per loro il rischio è maggiore – spiegano da Freegoing travel – In agenzia in qualche modo riusciamo a trovare soluzioni alternative in tempi rapidi, chi si deve muovere da solo ha più difficoltà e magari per riuscire a compiere il viaggio programmato alla fine spende molto di più».

23 Set 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto