Comaschi pericolosi al volante, assicurazioni tra le più care

Comaschi “pericolosi” al volante perché causano più incidenti rispetto alla media regionale. E di conseguenza pagano un premio assicurativo tra i più alti in Lombardia, piazzandosi al secondo posto subito dopo gli automobilisti residenti nella provincia di Pavia.
Sono i dati salienti che emergono dall’analisi condotta dal portale Facile.it, specializzato nel confronto tra le tariffe praticate dalle società che operano nel campo di diversi servizi, dalle assicurazioni ai mutui, dall’energia alla telefonia e così via.
Gli esperti del portale hanno calcolato quanti automobilisti quest’anno subiranno un rincaro dei premi pagati per le polizze di responsabilità civile (Rc auto) a causa di un peggioramento nella classe di merito, in seguito a sinistri con colpa.
A livello lombardo, nel corso di quest’anno il 4,91% degli automobilisti (ovvero 290mila cittadini) arretrerà almeno di una classe di merito e quindi pagherà di più. In provincia di Como, questo dato sale al 5,15%. Nella graduatoria regionale il Lario è preceduto soltanto dalla provincia di Monza e Brianza (5,75%) e da quella di Milano (5,22%).
Il premio assicurativo è evidentemente legato anche al tasso di incidentalità e, per questo motivo, i comaschi pagano cifre molto salate per assicurare l’automobile.
Il premio medio registrato in provincia di Como (il dato è relativo a dicembre 2014) è pari a 473,44 euro: solamente Pavia, in Lombardia, fa registrare una cifra più alta, con 490,90 euro. Persino in provincia di Milano, dove gli incidenti e i furti non sono certo una rarità, gli automobilisti pagano un premio assicurativo inferiore (439,22 euro). Gli automobilisti lecchesi, invece, pagano in media 70 euro in meno dei comaschi (403,43 euro), mentre le polizze più economiche sono quelle stipulate in provincia di Sondrio (391,30 euro).
L’unica buona notizia per gli automobilisti lombardi è che in tutte le province i premi pagati per le polizze Rc auto sono calati in media del 14,4% nel 2014. Una flessione che per Como è ancora più consistente (-15,21%).
A livello regionale, il portale Facile.it ha calcolato anche le categorie di cittadini più a rischio di incidenti. Emerge, secondo l’analisi, che il ricorso all’intervento delle assicurazioni è più alto tra le donne; i più prudenti sembrano essere gli appartenenti alle forze dell’ordine, mentre la categoria che – sulla carta – causa il maggior numero di incidenti con colpa è quella degli insegnanti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.