Comasco scomparso, al lavoro anche i Ris. Le ricerche sono concentrate a Chiesa Valmalenco

Mattia Mingarelli

Di Mattia Mingarelli, 30enne comasco, non si hanno più notizie da venerdì scorso. Le ricerche in corso in provincia di Sondrio, focalizzate nella zona montana di Chiesa Valmalenco. Al lavoro anche i carabinieri del Ris, Reparto investigazioni scientifiche, in cerca di elementi utili per ricostruire gli ultimi spostamenti del giovane.
L’ultimo ad averlo visto sarebbe il gestore di un rifugio in Valmalenco. Il comasco, nel fine settimana, aveva raggiunto la sua casa di montagna in zona San Giuseppe. In seguito si sono perse le sue tracce.
Il cellulare risulta spento. I familiari hanno denunciato la scomparsa e fatto scattare le ricerche, che stanno impegnando, oltre al Ris, vigili del fuoco, unità cinofile, uomini del Soccorso alpino, militari della guardia di finanza e volontari della Protezione civile. Viene passata al setaccio un’ampia area boschiva a quota 1.700 metri e oltre.
I carabinieri stanno ascoltando alcune persone che negli ultimi giorni avrebbero avuto contatti con Mattia Mingarelli.
La sorella di Mingarelli ha pubblicato un accorato appello su Facebook, chiedendo la massima diffusione della foto.
«Vi chiedo di condividere questo post per farlo arrivare a più gente possibile, abbiamo bisogno di voi – scrive la sorella – Fatemi sapere se l’avete visto. Ogni informazione è utile, avete parlato? Messaggiato? O avevate un appuntamento? Comunicatemelo al mio numero – scrive sempre la sorella – Dobbiamo trovare Mattia».
E ancora: «Non facciamo scendere l’attenzione, utilizziamo i social per una cosa utile».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.