Comitato paralimpico, Katia Arrighi nel Consiglio nazionale

Il presidente Leo Bernasconi con la delegata del Coni Katia Arrighi

La comasca Katia Arrighi, già delegato del Coni provinciale, è entrata a far parte del Consiglio nazionale del Comitato paralimpico e rimarrà in carica nel quadriennio che va dal 2021 al 2024.
Le assemblee elettive si sono chiuse con le elezioni dei tre membri in rappresentanza delle Strutture territoriali regionali e altrettanti per quelle provinciali.
I lavori, che si sono svolti a Roma, hanno espresso i nomi dei membri provinciali e regionali Nord, Centro e Sud.
Per il Nord, è stata appunto eletta nelle Strutture provinciali Katia Arrighi (nella foto con Leonardo Bernasconi, presidente della Canottieri Lario e il dirigente Andrea Fornasiero), in quelle regionali Melissa Milani, dell’Emilia Romagna. Gli altri nomi entrati nel Consiglio nazionale paralimpico in questa tornata di votazioni sono stati il toscano Massimo Porciani, il marchigiano Tarcisio Pacetti, il pugliese Giuseppe Pinto e il calabrese Fabio Giordano.
Laureata in Giurisprudenza e titolare di uno studio professionale di consulenza del lavoro, Katia Arrighi dopo la scadenza del suo mandato come delegato del Coni provinciale, ha deciso di non ricandidarsi (ora al suo posto c’è Niki D’Angelo), scegliendo la nuova avventura con il Comitato paralimpico, che comprende anche il basket in carrozzina, lo sport che ha come campione d’Italia da pochi giorni la società canturina Briantea84.
Il quadriennio da delegata nel Coni comasco si è chiuso per Arrighi con la difficile fase dell’emergenza sanitaria, che ha creato non pochi problemi alle società e agli atleti del territorio.
Tra le iniziative del suo quadriennio l’organizzazione degli stati generali dello sport lariano, con un incontro a Villa Olmo nel novembre del 2019.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.