Commercianti, la marcia sul Comune

altBreve incontro con il sindaco Mario Lucini prima dell’inizio del consiglio a Palazzo Cernezzi

Alla fine la “marcia” su Palazzo Cernezzi c’è stata. I commercianti di piazza Roma lo avevano promesso, dopo la notizia dell’ampliamento della Zona a Traffico Limitato (Ztl) e della cancellazione di 200 posti auto dal centro, e non hanno perso tempo. In 30 ieri sera, poco prima dell’inizio del consiglio comunale, si sono presentati in municipio per far sentire le loro ragioni. Protesta pacifica sfociata in un duplice incontro con il primo cittadino prima dell’inizio e durante l’assemblea cittadina.
«Vogliamo sapere che cosa dobbiamo aspettarci

– ha detto Corrado Sancesareo, negoziante di piazza Roma – Ecco perché siamo qui. Il nostro è un segnale forte per avere, finalmente, l’attenzione dovuta. Non è possibile spazzare via così tanti posti auto da una zona vitale senza prevedere soluzioni. Così si uccide il commercio». Il sindaco ha risposto assicurando attenzione e chiedendo ai negozianti di formulare una proposta. Più volte, in passato, la rivoluzione è stata annunciata ma sempre rinviata. Ora però la Ztl allargata diventerà realtà.
«Nessuno ci ha coinvolto o avvertito. In passato abbiamo raccolto oltre 600 firme di negozianti e residenti dell’area compresa tra piazza Roma, Portici Plinio e le vie limitrofe, per dimostrare la nostra contrarietà al Comune», dice Sancesareo.
Mobilitazione che aveva convinto l’assessore competente Daniela Gerosa e la giunta Lucini a prendere tempo, rinviando il provvedimento.
Ora, però, sembra proprio che tutto verrà realizzato come preventivato in origine. Da qui la protesta di ieri sera. «Oggi (ieri, ndr) ho sentito molti commercianti per organizzare la nostra “irruzione” in Comune – ha detto Sancesareo – Non soltanto della nostra zona ma anche di altri punti della città dove esistono problemi. Ad esempio, quelli di via Briantea che mi hanno confidato come, da quando è stato installato in mezzo alla strada il nuovo spartitraffico, si sia drasticamente ridotto, per la difficoltà a transitare e trovare un parcheggio, il giro d’affari. Insomma, siamo qui per protestare». La volontà comune è far capire che non soltanto in piazza Roma ma anche altrove serpeggia il malcontento per l’atteggiamento del Comune verso i commercianti e per la presunta mancanza di comunicazione. Va ricordato come il piano dell’assessore Daniela Gerosa porterà all’eliminazione della sosta oraria aperta a tutti e del traffico da tutta la zona compresa tra la stessa piazza Roma e i Portici Plinio, con il coinvolgimento delle vie Rubini e Garibaldi nei pressi di piazza Volta. In questo quadro – soprattutto in piazza Roma – dovrebbe essere favorito un ampliamento della sosta riservata ai residenti. Dovrebbero però, a intervento ultimato, scomparire dal centro almeno 200 posti auto. «Dateci risposte certe sul futuro», hanno detto in coro i manifestanti. Intanto, dopo essersi detto perplesso per la decisione del Comune, anche il presidente di Confcommercio, Giansilvio Primavesi, ha annunciato di voler scrivere al sindaco per avere spiegazioni.

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
Ieri sera prima del consiglio comunale i commercianti hanno inscenato una protesta

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.