Commercianti contro il Piano del Traffico: «I tagli ai parcheggi fanno tremare i polsi»

(l.m.) La cancellazione di 2,5 chilometri di parcheggi (un centinaio in tutto) tra viale Innocenzo e area Ippocastano prevista nel Piano del Traffico di Como non piace a Giansilvio Primavesi, presidente di Confcommercio Como. «Mi sono ripromesso di analizzare con calma tutti i contenuti dell’intervento, ma la notizia che saranno tagliati dei parcheggi a Como non può che irritarmi», commenta. «Si è detto che la città soffre di un eccesso di incidenti d’auto – prosegue – e che anche per questo va razionalizzato l’uso del mezzo privato, ma non per questo Como va rappresentata come un girone dantesco. Intanto, in attesa di leggere tutto il piano, ci confermiamo preoccupati. Come già detto in precedenza, alcune idee del piano fanno tremare i polsi. Anche se non scartiamo a priori l’idea di migliorare la città, che anzi ne ha bisogno, non penso che una rivoluzione come quella prevista sia attuabile nell’immediato. La lezione della Ztl, la Zona a traffico limitato, a Como insegna: per attuarla è stata modificata più volte rispetto alla prima versione. Non sta a noi commercianti la decisione finale sul piano del traffico, ma quando mi si dice di tagliare parcheggi alzo la cresta. Spero solo non abbiano fretta di concludere l’iter perché su questa amministrazione incombe la scadenza del mandato. Si sa che questo genere di “rivoluzioni” va per le lunghe, a Como come altrove vale il detto che la gatta frettolosa fa i gattini ciechi». «Un’ulteriore riduzione dei parcheggi a Como è di fatto una interdizione della città a chi deve usufruire dei mezzi privati, non siamo d’accordo» commenta da parte sua Mario Lavatelli, presidente dell’Associazione Civica Utenti della Strada di Como (Acus), che annuncia battaglia e un dossier contro il piano traffico (in particolare per la soluzione prevista per il nodo di piazza San Rocco) da presentare a giorni. «La maggioranza ha condiviso in pieno i contenuti del piano che mi auguro venga approvato nei tempi previsti», commenta sul piano politico Andrée Cesareo del Pd, presidente della commissione Assetto del Territorio, Ambiente ed Ecologia, Trasporti, Lavori Pubblici di Palazzo Cernezzi. Che entro la prima decina di ottobre riconvocherà l’assessore alla Viabilità Daniela Gerosa per un ulteriore confronto sul tema della “rivoluzione”.

L'assessore Daniela Gerosa L’assessore Daniela Gerosa

Articoli correlati