Commissione Abi Lombardia, nominato Giovanni Pontiggia

© | . . Giovanni Pontiggia

Nuovo, importante incarico per Giovanni Pontiggia, presidente della Banca di Credito Cooperativo di Alzate Brianza. Dopo essere stato chiamato al vertice della holding nazionale del credito cooperativo, dallo scorso 1° gennaio Pontiggia è entrato a far parte della commissione regionale Abi per la Lombardia, l’organismo che rappresenta l’Associazione delle Banche italiane nell’attività di relazione con le autorità e gli uffici della Regione, oltre che con le organizzazioni imprenditoriali del territorio.
Un consesso soltanto in apparenza “tecnico”, in realtà con caratteristiche strategiche sul piano delle politiche di sviluppo. «Lo scopo fondamentale della commissione Abi – spiega lo stesso Pontiggia – è infatti dare attuazione, assieme a Regione e Finlombarda, ai provvedimenti attivati a livello nazionale per dare risposte al mondo economico. Alcuni esempi: la ristrutturazione degli interessi sui mutui della prima casa è stata concertata con la commissione per stabilirne le modalità applicative – dice Pontiggia – Penso anche alle procedure di rimborso anticipato della Cassa integrazione o all’utilizzo dei fondi strutturali stanziati dal Parlamento europeo», aggiunge il presidente della Bcc di Alzate.
La commissione è ovviamente espressione di tutti gli istituti di credito associati all’Abi e che abbiano in Lombardia almeno uno sportello. Tutela, come detto, gli interessi delle banche sul territorio ma con un occhio particolare alle specificità locali.
Di qui, come detto, il suo significato strategico. Che permette a Pontiggia di sollevare una piccola polemica in riferimento alle scelte prese dalla Camera di Commercio in sede di formazione della giunta. «Nelle commissioni si discutono spesso problemi importanti, che finiscono subito dopo sui tavoli decisori delle Camere di Commercio, anche grazie al lavoro dei rappresentanti del credito. Questi ultimi, quando siedono in giunta, possono attivare direttamente e in modo immediato le iniziative concertate tra Regione e Abi. È ovvio che la disponibilità del nostro rappresentante in via Parini non mancherà comunque, ma fa riflettere la scelta di non aver garantito a un settore decisivo dell’economia lariana il suo giusto ruolo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.