Commissione Sicurezza di Como: scelti gli otto consiglieri

Palazzo Cernezzi

Dopo un iter tortuoso e non privo di attriti, dopo un voto del consiglio contro il parere della giunta, Palazzo Cernezzi ha scelto gli otto componenti della Commissione Speciale per la Sicurezza.
Cinque i consiglieri scelti dalla maggioranza: Alessandra Bonduri (Lega, con 5 voti), Luca Biondi (Forza Italia 5 voti), Sergio De Santis (FdI 5 voti), Sabrina Del Prete (Insieme per Landriscina Sindaco, 4 voti) e Antonio Tufano (Gruppo misto, 3 voti). Tre quelli scelti dalla minoranza: Stefano Fanetti (Pd, 8 voti), Fabio Aleotti (M5S, 8 voti) e Vittorio Nessi (Svolta Civica, 8 voti). Spetta ora al membro più anziano, ovvero Vittorio Nessi, convocare per la prima volta la Commissione. «Domani mi confronterò con la segreteria e al più presto convocherò la prima riunione della Commissione dove sarà nominato il presidente e il vicepresidente» spiega Nessi.
«Sono soddisfatto e contento che alla fine la Commissione che dovrà occuparsi di sicurezza in città sia nata», spiega il consigliere di Fratelli d’Italia, Sergio De Santis.
«Ricordo quando ne parlai nel luglio del 2017 nelle primissime riunioni di maggioranza mi guardavano come fossi un extraterrestre. La Commissione è un’occasione strategica per la città». Poi De Santis aggiunge: «Siamo arrivati a febbraio 2019 e finalmente è stata riconosciuta questa idea vincente. Devo riconoscere alla minoranza la coerenza sul tema a differenza di altri. La Lista Rapinese purtroppo non è riuscita a fare emergere i voti necessari, è una mancanza, perché a mio avviso è una lista importante nella città». Fuori infatti dalla Commissione Alessandro Rapinese che commenta: «Totale assenza di rispetto da parte del centrosinistra e del Movimento 5 Stelle, alleati per spartirsi le poltrone». E aggiunge «Siamo la prima forza politica in città, essenziali per la nascita della Commissione, ma l’ambizione di Nessi supera qualsiasi altra cosa. Un centrosinistra di poltronari, spero stiano comodi».
Per quanto riguarda la presidenza, si profila una corsa a tre, anzi probabilmente a quattro. In pole-position rimangono la leghista Alessandra Bonduri e l’ex magistrato Vittorio Nessi, pur esponente della minoranza in consiglio comunale. Tra i papabili pure il forzista Luca Biondi e naturalmente chi ha voluto più di tutti la Commissione, ovvero Sergio De Santis.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.