Como a luci rosse, con la guida

altSabato 25 gennaio

“Como a luci rosse” è l’intrigante titolo di un’indagine storica che Cristina Fontana (nella foto, durante la presentazione del volume), collaboratrice del “Corriere di Como” e già autrice di vari volumi dedicati a storie e memorie locali, ha dedicato alla storia della prostituzione a Como. In 240 pagine (edizioni Sampietro di Menaggio) l’autrice ripercorre storie di “vita”, tra case di tolleranza, marciapiedi e altre situazioni equivoche, mantenendo la giusta distanza dell’atteggiamento

storico senza dimenticare che si sta cercando di circoscrivere una piaga sociale, per quanto atavica.
Il volume è un percorso nella storia e nei luoghi. Ci sono i lupanari della “sconcia suburra” della Cortesella, il quartiere di Como rivoluzionato dal “piccone risanatore” del fascismo negli anni Trenta e i postriboli della malfamata zona attorno al Duomo. La prostituzione a Como è documentata già dagli antichi romani. All’epoca dei due Plinii, per esempio, Como aveva un suo edificio per il meretricio pubblico: era tra via Benzi e viale Varese. Passando al Medioevo, in cui dilaga la corruzione, i bagni pubblici – in città erano nei pressi dell’attuale basilica di San Fedele – diventano sempre più un centro di prostituzione. Il Quattrocento vede invece l’edificazione dei veri e propri postriboli di cui il volume fornisce una sintetica mappa sulla base dei dati storici raccolti nell’Archivio di Stato.
Sabato 25 gennaio, l’autrice accompagnerà i curiosi in un itinerario tra le vecchie case di piacere di Como e i luoghi interessati dal fenomeno del meretricio dall’età romana fino alla metà del ’900. Appuntamento alle 15.30 davanti alla Porta della Rana del Duomo. Quota di partecipazione: 6 euro. Info e prenotazioni: 335.6759319; info@guidecomo.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.