Como da urlo, la gioia di Gattuso: «Questa squadra non finisce mai di stupirmi»

Alessandria Como Calcio 0-2

Un Como che sempre di più fa sognare i suoi tifosi e che ieri ad Alessandria ha ottenuto la sua quinta vittoria consecutiva (2-0 contro i “grigi”), dopo quelle, nell’ordine, con Carrarese, Grosseto, Livorno e Novara: è la migliore striscia in assoluto di tutta la serie C.
L’obiettivo di arrivare a ridosso della capolista in occasione dello scontro diretto è stato raggiunto. «Sono felice – ha commentato mister Gattuso alla fine – Questo gruppo non finisce mai di stupirmi».
Gli azzurri, con l’affermazione di ieri si sono confermati la “bestia nera” storica dei grigi: il bilancio ora è di 26 successi per i lariani, 16 pareggi e soltanto 12 vittorie dell’Alessandria.
Allo stadio Moccagatta ha avuto grande rilevanza l’approccio. Il Como ha puntato su una partenza-sprint ed è stato premiato. Al 5’ Franco Ferrari – rilanciato al centro dell’attacco come titolare – di testa ha mandato la palla in rete: gol annullato per posizione irregolare. Dopo ulteriori occasioni, i lariani sono passati al 17’ con una conclusione di Manuel Cicconi. L’Alessandria ha reagito e al 26’ è stata la traversa ad evitare il pari. Subito dopo però ancora Como protagonista, al 30’, quando ha reclamato un rigore, non rilevato dal direttore di gara. Nella ripresa i piemontesi hanno provato a impattare l’incontro, con gli ospiti che hanno comunque retto e che hanno chiuso la partita con la realizzazione di Giovanni Terrani all’82’.
Una grande gioia, per l’importanza del risultato, ottenuto sul campo di una formazione che è stata costruita per puntare alla promozione e che per ora vede ridimensionate le sue ambizioni. In classifica il Renate ha 42 punti, il Como 40, la Pro Vercelli 32 e l’Alessandria 31.
«La nostra è stata una bellissima vittoria – ha spiegato alla fine Giacomo Gattuso – che ha premiato una grande prestazione. Ho visto il primo tempo più bello della stagione per gioco, per occasioni, per come stavamo in campo; siamo contenti, questa squadra non finisce mai di stupirmi».
Ma non c’è troppo tempo per gioire, visto che alle porte, lunedì sera allo stadio Sinigaglia, incombe l’impegno di vertice con il Renate. «Adesso vediamo di recuperare energie e forze e prepararci per la prossima sfida, che giocheremo con lo stesso spirito messo sul campo ad Alessandria: per i nostri avversari era forse l’incontro più importante dell’anno, ma lo stesso valeva per noi».
«Volevamo il risultato pieno, che avrebbe dato un forte impatto al nostro torneo e che per il Como poteva valere doppio – ha aggiunto il mister – I tre punti sono arrivati in una gara in cui abbiamo messo sacrificio, preparazione, grande voglia».
Come sempre, il tecnico non ha voluto guardare troppo avanti. «Pensiamo a un match alla volta – ha ribadito – Sicuramente in questo momento c’è grande fiducia da parte di calciatori che soffrono quando devono soffrire e si esprimono al meglio quando devono giocare. Stiamo bene e arriviamo nelle migliori condizioni per la partita di lunedì contro il Renate».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.