Como, due schemi per il gol su azione

Calcio – Sei reti su sette, nell’attuale stagione degli azzurri, giunte su calci da fermo. Mister Ramella studia le contromisure
Due schemi per superare il problema della mancanza di reti su azione. Mister Ernestino Ramella, allenatore del Como, non si rassegna e sta facendo lavorare i suoi giocatori per cercare di superare il problema.
Perché se da una parte è positivo che le reti arrivino su schemi da calcio da fermo, un premio per il lavoro svolto in settimana a Orsenigo, d’altro canto la mancanza di reti su azione potrebbe presto essere un limite per gli azzurri.
In questa stagione, contando anche il match

sospeso con la Pro Vercelli, gli azzurri hanno segnato sette gol. Sei sono arrivati da rigori, calci d’angolo e rimesse laterali. Uno soltanto su azione, la rete di Marc Levandowski a Foligno.
Considerando la classifica dei lariani, il provare e riprovare schemi a Orsenigo ha dato buoni frutti. Ma è anche vero che prima o poi gli avversari prenderanno le contromisure.
E per questo motivo mister Ramella questa settimana sta facendo lavorare i suoi uomini per cercare di raggiungere la via della rete direttamente su azione. Due gli schemi che sono stati predisposti dall’allenatore lariano.
Senza entrare nei particolari, – anche per non favorire gli avversari, a partire dalla Reggiana, prossimo avversario del Como – si può dire che il primo prevede tagli in velocità tra le mezzali e il regista, mentre il secondo è basato sull’apporto degli esterni nelle azioni d’attacco e sulla loro collaborazione con i centrocampisti centrali.
Due soluzioni studiate dal mister lariano anche per sopperire a quella che finora si è rivelata una carenza, che è stata compensata da spunti dei singoli. È un dato di fatto, peraltro, che l’unico gol di un centravanti sia stato quello di Tavares nel recupero contro la Pro Vercelli, terminato 1-0 per gli azzurri. Contro i piemontesi, nella gara poi interrotta, avevano segnato il centrocampista Salvi e il difensore Urbano. A Foligno è toccato al centrocampista Lewandowski e a Filippini su rigore. Quest’ultimo – attaccante, ma certo non centravanti puro – ha realizzato una doppietta domenica scorsa con il Sorrento.
Un andamento positivo in attesa che sia disponibile Francesco Ripa, di fatto il colpo di mercato del club, giocatore che un po’ per infortunio, un po’ per la sua preparazione non ottimale, finora non è stato ancora schierato. Doveva essere disponibile per Reggio Emilia, ma se ne riparlerà per il posticipo televisivo del 3 ottobre allo stadio Sinigaglia contro il Foggia. E oltre a questa gara, sarà mandata in onda in diretta su Raisport anche la gara del turno infrasettimanale del 12 ottobre a Pisa.
Per domenica prossima, dando per scontata l’assenza di Ripa, sono da verificare le condizioni di Stefano Salvi, uscito malconcio dal match con il Sorrento. Già domenica scorsa gli sono stati applicati sei punti di sutura a un braccio, ma il colpo preso gli sta dando problemi anche a un nervo e quindi il grintoso centrocampista potrebbe non giocare. Al suo posto, nel caso, sarà schierato Andrea Ardito.

Massimo Moscardi

Nella foto:
Mister Ernestino Ramella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.