Cronaca

Como e Chiasso, due stazioni così vicine e così lontane

Parole come pietre di Marco Guggiari
Riappare periodicamente la brutta fotografia della stazione San Giovanni. Il luogo che rappresenta per molti il primo contatto con Como è espressione di incuria, degrado, abbandono. E lo è, prima di tutto, per colpa di maleducati e vandali; poi per mancanza di cura adeguata.
I reportage dalla zona, inclusi la scalinata e il parco, tra i più belli e infrequentabili della città, confermano regolarmente l’impietosa situazione. È accaduto anche in settimana: cronista e fotoreporter hanno tracciato

il solito quadro a tinte fosche, i vari responsabili hanno addotto giustificazioni, ribadito promesse.
Perché è così difficile fare come gli svizzeri? È sempre antipatico questo confronto, ma è altrettanto inevitabile. A Chiasso, in stazione, si potrebbe mangiare per terra, tanto il luogo appare pulito, organizzato, in ordine. In linea d’aria le due strutture distano poche centinaia di metri, ma sembrano agli antipodi. Qui si tocca davvero con mano la differenza culturale tra due popoli, due modi d’intendere i servizi e non è in ballo il mito elvetico, spesso enfatizzato per la sindrome dell’erba del vicino che sembra sempre più verde. C’è dell’altro. C’è un modo diverso di appropriarsi di luoghi strategici, di collaborare e vigilare per viverli al meglio. Una stazione deve avere strumenti funzionanti e non vandalizzati, dev’essere minimamente accogliente, rendere agevoli ricerche, informazioni, spostamenti con i bagagli. Se questo non avviene, non è in difficoltà soltanto il singolo viaggiatore; perde qualcosa tutta la città. Retrocediamo tutti noi. Brescia, per non andare troppo lontano, ha lanciato una campagna “Stazione pulita” che è un buon inizio di rimonta.

20 marzo 2010

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto