Cronaca

Como è diventata una città “smart”. Ma pochi enti pubblici cinguettano

altIstituzioni
La ricerca sull’utilizzo di Twitter da parte delle amministrazioni
Cinguetto ergo sum. La città di Como twitta ed è anche abbastanza smart (intelligente). Non troppo, ma neppure poco, siamo a metà classifica. È quanto si evince dalla ricerca ICity Rate 2014 presentata a Bologna nell’ambito della rassegna “Smart City Exhibition” che si chiude oggi. Nella graduatoria generale tra i 106 capoluoghi, sulla base di ben 72 indicatori statistici che vanno dal valore aggiunto per unità di lavoro ai followers Twitter delle amministrazioni comunali, Como si trova al

53° posto. Merito dell’ottima prestazione nella classifica della Sharing economy, ad esempio, un indice basato sulla presenza e diffusione di spazi di coworking, banche del tempo e carpooling, che vede Como al primo posto in Italia. Valori che bilanciano invece gli scarsi risultati in materia di piste ciclabili, ad esempio.
Riguardo alla comunicazione, il Comune di Como è una delle pubbliche amministrazioni italiane che hanno attivato tutti gli 11 canali per parlare con i cittadini, compresi i social network. Palazzo Cernezzi ha un suo account Twitter dal 25 marzo del 2013 e con i suoi 1.376 followers (persone che seguono i suoi cinguettii) si trova al 38° posto in Italia tra i capoluoghi di provincia per capacità di penetrazione tra i residenti. Sono tre i cinguettii che partono in media ogni giorno dal Municipio di Como.
Soltanto poco più della metà dei capoluoghi di provincia italiani (57%) ha un account sul social network dell’uccellino blu. La città che sa utilizzare al meglio il social network è Torino, seguita da Firenze e Cagliari.
In Lombardia il primato va a Milano che ha circa 49.700 followers, anche Pavia crede nei cinguettii. Ha 3.600 followers che in rapporto ai residenti valgono il 6° posto in Italia. Bene pure Lodi, mentre Como si colloca in quarta posizione in Lombardia. Monza, Lecco, Varese e Sondrio sono tra le pubbliche amministrazioni comunali che non cinguettano affatto.
Non tutti gli enti pubblici del capoluogo sono così virtuosi. La Provincia di Como, ad esempio, è priva di un account Twitter. Lo stesso vale per la Camera di Commercio di Como. L’ente camerale di Varese, invece, ha un account dal 2012 e oltre 1.300 seguaci e ha fatto ben 3.600 cinguettii, più di tre al giorno. Prefettura di Como e Questura di Como hanno un sito Internet ricco di informazioni, ma come nel resto d’Italia non cinguettano.
Sono invece attive, chi più, chi meno, anche sui social, le associazioni imprenditoriali. Unindustria Como ha un account solo dal giugno di quest’anno, poco più di 400 followers e dà solo mezzo cinguettio al giorno. Confcommercio Como è molto più attiva con 1,7 tweet al giorno, dal maggio 2012, e 1.500 seguaci. La sfida tra le associazioni degli artigiani viene vinta da Confartigianato che ha creduto in Twitter fin dal settembre del 2011. Fa meno di un cinguettio al giorno, ma ha oltre 1.100 seguaci. La Cna Como non ha invece un proprio account.
Chiudiamo con una curiosità relativa ai politici. Il profilo ufficiale del sindaco @mariolucinicomo è stato attivato nel marzo del 2012. Ha 738 seguaci e i cinguetti sono 0,69 al giorno. La fotografia della sua pagina non è però stata aggiornata, visto che ritrae la giunta con sedute in poltrona, alla destra e alla sinistra del sindaco, Giulia Pusterla e Gisella Introzzi, che hanno lasciato poi l’esecutivo del capoluogo. Anche tra l’opposizione Twitter non spopola, però. Alessandro Rapinese ha 363 followers, Marco Butti 146, Laura Bordoli 181, anche se il suo ultimo cinguettio è del maggio 2012. È più forte in tal senso Forza Italia, visto che Sergio Gaddi ne ha 867 e Anna Veronelli 635.
Nulla a che vedere con il premier Matteo Renzi, insomma, con il suo milione e 370mila seguaci, o Beppe Grillo (un milione e 570mila).

Paolo Annoni

Nella foto:
Palazzo Cernezzi utilizza ben undici mezzi per comunicare con il cittadino
24 Ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto