Como in piazza per aiutare i malati di Sla. Venerdì la kermesse con sport, musica e cibo
Associazioni, Sanità, Territorio

Como in piazza per aiutare i malati di Sla. Venerdì la kermesse con sport, musica e cibo

Venerdì sera torna a Como la serata “Cartellino rosso alla Sla” con sport, cibo e musica dal vivo in piazza Volta dalle 18 a mezzanotte. L’iniziativa è organizzata dalla Fondazione Paola Giancola in compartecipazione con il Comune di Como e ha lo scopo di raccogliere fondi a sostegno dei malati di Sclerosi laterale amiotrofica e delle loro famiglie.

Alla promozione della serata contribuiscono anche Gianluca Zambrotta e Pietro Vierchowod, che hanno partecipato  alla presentazione in Comune. Del resto il mondo del calcio, e nello specifico il Como, sono stati dolosamente toccati dalla scomparsa di una serie di calciatori – tra cui Stefano Borgonovo e Adriano Lombardi – proprio a causa della Sla. L’evento di sensibilizzazione prenderà il via alle 18 con un torneo di calcetto “3 contro 3” per ragazzi fino a 12 anni. Dalle 19 comincia la musica con un Dj-set; alle 19.30 appuntamento con l’apericena in piazza. Ma non soltanto. Sul posto sarà possibile la prova gratuita della glicemia grazie all’Associazione provinciale diabetici di Como.

Alle 21 ospiti, pazienti, familiari, medici e operatori sanitari prenderanno la parola per raccontale le proprie esperienze, fino alle 21.30, quando scatterà un nuovo appuntamento dedicato alla musica. «Il Comune di Como ha l’onore di partecipare come istituzione a questo evento benefico – ha spiegato l’assessore ai Servizi sociali e vicesindaco Alessandra Locatelli – con rappresentanti illustri del mondo dello sport, dell’associazionismo e sanitario. Queste attività uniscono, integrano e fanno rete sul territorio. Ringraziamo chi con impegno e pazienza organizza ogni anno l’evento e chi fornisce il proprio contributo».

Come è stato spiegato dagli organizzatori e da Antonio Paddeu, primario della Riabilitazione Cardiorespiratoria al Sant’Anna, la Sla è una malattia degenerativa che significa convivere con gravi restrizioni per il malato e per i suoi familiari. «Siamo partiti con questa iniziativa l’anno scorso – ha raccontato Fausto Brenna, responsabile dell’organizzazione – facendo le cose in grande nel centro di Como per far sapere a tutti che esiste la Sla e per far sentire che cos’è. Può capitare a chiunque: noi cerchiamo di aiutare le famiglie che si trovano a conviverci». L’anno scorso sono stati raccolti 24mila euro; in occasione dell’edizione 2018 si potrà contribuire anche acquistando magliette, tazze, cappellini.

5 settembre 2018

Info Autore

Massimo Moscardi

mmoscardi mmoscardi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto