Como-Inter 2-3. Sinigaglia tutto esaurito

copia di tifosi2Erano 7.500 i tifosi allo stadio. Tafferugli prima e dopo il match. Pesanti ripercussioni sul traffico

Una simile festa di pubblico lo stadio Sinigaglia non la vedeva da anni. Dai tempi dell’era Preziosi e della promozione in serie A dell’estate 2002.
Peccato che con il grande calcio allo stadio si siano rivisti anche gli scontri fra i tifosi, di cui diamo conto in un articolo apposito. Pesanti anche le ripercussioni sul traffico con code lungo viale Innocenzo fino alla Napoleona.

Ma torniamo alla partita, un’amichevole di lusso organizzata dalla nuova società azzurra contro l’Inter. Un match impari, ovviamente, tra una formazione ancora in costruzione e ricca di giovani, quella del Como, e una squadra – l’Inter – tra le big del campionato e che per di più  tra una settimana esordirà già con la prima gara ufficiale per il girone di qualificazione all’Europa League. Il risultato, insomma, è stata l’ultima cosa che interessava (almeno ai tanti veri tifosi lariani) che per una sera hanno invece potuto trovarsi di nuovi di fronte ai rivali neroazzurri.
La serata del Sinigaglia è stata aperta dall’amichevole tra le formazioni giovanili (2000 e 2001) del Como e della Junior di Finale Emilia, paese quest’ultimo duramente colpito dal terremoto e con cui la società lariana si è gemellata per raccogliere fondi in aiuto delle vittime del sisma. Poi, in uno stadio da tutto esaurito – circa 7.500 presenti (i Distinti non erano agibili) – sono scese in campo le due formazioni. Il Como nella classica divisa azzurra, l’Inter con la maglia rossa fortemente voluta dal presidente Moratti ma che tanto ha fatto arrabbiare i tifosi più tradizionalisti.
Mister Stramaccioni, tra l’altro, ha schierato dal primo minuto l’olandese  Sneijder – attesissimo – rinunciando a due soli uomini della rosa, il nuovo portiere Handanovic e Milito. In panchina per scelta tecnica Zanetti e Cambiasso. Dopo 6’ l’Inter è già in vantaggio con Nagatomo. Poi, al 27’, il raddoppio di testa da parte di Ranocchia. Tutto facile per l’Inter? Neanche per idea, pur con il portiere azzurro Micai migliore in campo e autore di miracolosi interventi su Palacio e Coutinho. Al 41’, il gol del Como con Schiavino al termine di un rimpallo nell’area di rigore. Tutto qui? Nella ripresa c’è pure l’1-3 interista con un bel tiro da fuori di Palacio. Ma gli azzurri non ci stanno al 43’ è Mazzocca a fare il 3-2 dopo essersi bevuto la difesa interista imbottita di Primavera per gli ultimi scampoli del match.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.