Como-Inveruno, il “gollonzo” della discordia
Sport

Como-Inveruno, il “gollonzo” della discordia

La disperazione del portiere dell'Inveruno La disperazione del portiere dell’Inveruno

Sui social prima la polemica, poi, nelle parole del presidente del Gozzano, la mano tesa al Como e ai suoi tifosi. Il cosiddetto “gollonzo” (con papera del portiere ospite) che ha regalato la vittoria al Como contro l’Inveruno (2-1 al 90’) a molti non è andato giù.
Tralasciando i complottisti comparsi soprattutto sui social – compreso un buon numero di sostenitori della squadra lariana – ha fatto scalpore che sul sito Facebook del Gozzano siano comparsi un paio di post con le immagini – prese anche dal tg di Espansione Tv – del gol dello stadio Sinigaglia con frasi ironiche buttate lì e con la conclusione «lasciamo ai posteri ogni commento».
Ovviamente si è scatenato il dibattito, dai toni accesi, che ha coinvolto i tifosi non solo delle due squadre, ma anche di altre società che paventano, più o meno, favoritismi per la formazione lariana. Tra le risposte più gettonate: «Andatevi a rivedere il rigore inesistente che è stato concesso all’Inveruno».
Ma, al di là delle schermaglie fra sostenitori delle varie fazioni, si tratta di capire se il Gozzano, inteso come società, ha qualcosa da dire ufficialmente rispetto a quanto postato sui social dall’addetto stampa.

Fabrizio Leonardi, presidente del Gozzano

Come riferito all’inizio, il presidente Fabrizio Leonardi preferisce smussare i toni. «Dico la verità – spiega – Per scelta non sono su alcun social e queste vicende mi convincono di aver fatto una scelta giusta».
Per quanto riguarda i post “incriminati” il presidente spiega: «Non è nostra intenzione mettere in dubbio la regolarità della partita che si è giocata a Como. Mettetevi nei nostri panni: se fosse accaduto a parti inverse, penso che anche i tifosi della squadra lariana si sarebbero arrabbiati. Sono il primo a sapere che una partita va vista tutta e non ci si deve soffermare sul singolo episodio».
«Ma tutto finisce lì – afferma ancora il presidente Leonardi – I post sono ironici e fatti per risvegliare l’entusiasmo dei tifosi in questa volata finale in cui una società piccola come il Gozzano sta lottando con una squadra come il Como, che fino a qualche anno fa, non lo dimentico, era protagonista sui principali palcoscenici della serie A».
Il massimo dirigente ha anche un ricordo personale legato al Como e al suo impianto. «Sono un tifoso del Milan e al Sinigaglia è arrivato l’indimenticabile scudetto del 1988: potete immaginare che non veda l’ora di rimettere piede il prossimo 15 aprile in quello stadio per contendere il primo posto ad una società blasonata come quella lariana».

Il "gollonzo" al centro delle polemiche Il “gollonzo” al centro delle polemiche

«Dico solo che quello che stiamo giocando è un bellissimo duello – conclude Fabrizio Leonardi – Qualche sfottò o piccola schermaglia ci può stare, ma da parte del club non ci sono polemiche. E ribadisco ciò che ho dichiarato qualche settimana fa proprio sul “Corriere di Como”: alla fine mi auguro che entrambe le squadre si ritrovino il prossimo anno in Lega Pro».
Massimo Moscardi

31 marzo 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto