Como, la Turchia migliore partner mediterraneo

Interscambio commerciale in diminuzione tra Como e i Paesi del Mediterraneo non europei. Lo dice una statistica della Camera di Commercio di Milano, che analizza gli ultimi numeri diffusi da Istat. Un dato che si allinea a quello della Lombardia e del nostro Paese: tra 2015 e 2016, calcolando import ed export, nei primi sei mesi dell’anno il calo a Como è stato del 7,6%; in Lombardia del 3,6%, nel nostro Paese del 5,3%.
In cifre si parla di operazioni per 200.329.725 euro nel 2016; nel 2015 la cifra era 216.847.2340 euro nello stesso periodo (da gennaio a giugno).
Il commercio estero lombardo con i Paesi del Mediterraneo non europeo vale 10 miliardi all’anno, ma, come detto, ha perso nei primi sei mesi del 2016 oltre 200 milioni di euro (-3,6%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In particolare è arretrato l’interscambio con Libia (-65,4%), Algeria (-22,3%) e Siria (-20,4%).
Tornando a Como, l’import è diminuito, da un anno all’altro, dell’8,9%, l’export del 7,1%.
Non mancano le statistiche che riguardano il confronto tra Como ed i singoli Paesi. Emerge che quello con cui c’è maggiore interscambio è la Turchia: sempre nei primi sei mesi del 2016 l’import è stato di 26.420.679 euro; l’export di 61.857.265. Nell’ordine gli altri Stati con cui Como ha commerciato maggiormente sono Tunisia, Marocco, Israele ed Egitto.

Articoli correlati