Como Nuoto travolgente, poker delle lariane. Biancoazzurre ancora a punteggio pieno

Como Nuoto Rane Rosa 2020

In testa alla classifica a punteggio pieno. A livello di squadre, il primato sul Lario spetta alle ragazze della Como Nuoto Recoaro, che si confermano in vetta alla classifica di serie A2 di pallanuoto donne. Le “Rane Rosa” allenate da coach Stefano “Tete” Pozzi hanno infatti vinto tutte e quattro le partite finora disputate.
L’ultimo sigillo domenica scorsa nella piscina di Varese, nell’impianto che ospita le sfide casalinghe della squadra biancoazzurra per l’ormai nota indisponibilità di Muggiò.
Contro la Promogest Cagliari le lariane si sono imposte per 12-7, con ben otto giocatrici che sono andate a segno. Una gara di cartello, per le atlete di Pozzi, che affrontavano la formazione che alla vigilia era terza. Como Nuoto donne, dunque, che si conferma in testa alla classifica alla pari con Bologna. Proprio le due formazioni che fin dall’inizio della stagione gli addetti ai lavori davano favorite per la cima della graduatoria.
«Queste ragazze hanno fatto tanti sacrifici, non va dimenticato come è nata la loro stagione» ha sempre sottolineato il presidente della società di viale Geno, Mario Bulgheroni. Per l’indisponibilità di Muggiò, infatti, la preparazione per la nuova stagione si è prima svolta nella piscina all’aperto di viale Geno, anche in orari quasi notturni, quando fuori c’erano 3-4 gradi. Poi, dopo che la caldaia non ha più retto, il trasferimento a Chiasso, dove si prepara anche la formazione maschile, reduce dallo stop interno con il San Donato Metanopoli (13-15) e quartultima nella classifica di A2 uomini.
«A causa dell’influenza – spiega coach Pozzi – la settimana che ha preceduto la sfida con la Promogest non è stata semplice. Alla vigilia ero molto timoroso , anche perché Cagliari ha nella rosa le prime due marcatrici del campionato. È andato tutto bene e ho cercato di far turnare il più possibile tutte le giocatrici, sia quelle che hanno fatto qualche allenamento, sia quelle che li hanno saltati tutti».
«Sono contento – aggiunge l’allenatore – Due tempi sono stati belli, all’altezza, poi c’è stato un calo, che comunque mi attendevo: è subentrata la stanchezza e anche io, a dire il vero, ero un po’ agitato, anche perché temevo un rientro delle avversarie. Ma ora è già tempo di pensare al prossimo match: ci attende infatti la trasferta di Imperia con la terza in classifica. Un altro test probante».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.