Como, riparte la maratona per il regolamento di polizia. In consiglio stasera l’analisi dei 120 emendamenti

Palazzo Cernezzi

Riparte questa sera lo “scontro” politico sul nuovo regolamento di polizia locale.
Dopo il rinvio di due sedute del consiglio comunale, richiesto dagli uffici di Palazzo Cernezzi per mettere ordine e fare un’adeguata istruttoria sui 120 emendamenti presentati per avere chiarimenti sul documento elaborato dall’assessore Negretti, stasera si torna in aula. Il clima è molto teso perchè questo ulteriore provvedimento sta facendo vacillare, ancora una volta, la maggioranza. Ago della bilancia potrebbe essere Forza Italia.
Il capogruppo Enrico Cenetiempo nei giorni scorsi era stato molto chiaro al riguardo, dicendo che ogni singolo emendamento sarebbe stato valutato e votato. Un’analisi puntuale necessaria per la decisione finale. Una votazione che, come più volte ribadito, potrebbe anche essere negativa. Un “no” che ancora un volta metterebbe in una situazione complicata la giunta Landriscina. Sembra dunque chiara la conclusione: allo stato attuale dei fatti, a poche ore dalla nuova seduta di consiglio comunale che comunque difficilmente sarà sufficiente a fare luce sul diluvio di emendamenti, non sembra che il centrodestra possa contare senza riserve sui 5 voti di Forza Italia. Una realtà che comunque non spaventa l’assessore alla Polizia locale Elena Negretti, che in più di un’occasione ha ribadito come vada «bene la discussione, ma io vado avanti sulla mia strada». Intanto, ad agitare ancora di più le acque in casa della maggioranza, c’è anche un’altra dura presa di posizione sull’operato del sindaco sempre da parte di Forza Italia. Partito che non ha rappresentanti all’interno della giunta dopo l’addio burrascoso di Francesco Pettignano, uscito come forzista dalla giunta nella quale è poi rientrato poco dopo sotto le insegne di Fratelli d’Italia. E il nuovo attacco ha come oggetto il maxi progetto di riqualificazione dell’area Ticosa presentato di recente dal Comune di Como. Ad affondare il colpo è sempre il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, Enrico Cenetiempo. «Abbiamo attentamente visionato quanto ideato per il rilancio futuro dell’area dell’ex tintostamperia e francamente mi sembra che ancora una volta non sia stato fatto alcun passo in avanti – dice Enrico Cenetiempo – sempre le stesse idee riproposte con il passare del tempo. Nessuno scatto innovativo in avanti ma sempre lo sguardo rivolto al passato con parcheggi, aree verdi non ben precisate e parti di strada interrate». E proprio prendendo spunto da ciò, una battuta a metà tra l’ironia tagliente e l’attacco. «Adesso mi aspetto che il sindaco torni a parlare magari del Tubolario (il progetto di un tubo galleggiante, mantenuto però immerso nel lago con dei tiranti dove far viaggiare auto, camion e treni), o di parcheggi completamente sommersi come avvenne tanti anni fa», conclude Cenetiempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.