Como unita a Bergamo, Lecco, Varese e Sondrio dopo l’addio alle Province

La proposta dei geografi

Lombardia divisa in quattro distretti, con Como che condividerebbe il suo con Bergamo, Lecco, Varese e Sondrio: è questa la proposta di riordino territoriale che la Società Geografica Italiana ha avanzato al ministro per gli Affari regionali Graziano Delrio, inserendosi di fatto nell’accesa discussione sull’abolizione delle Province. Nell’ottica del miglioramento dei servizi e del taglio agli sprechi, la Società Geografica ha immaginato un’Italia divisa

in 36 nuove regioni, o distretti federali, che andrebbero a sostituire le attuali 20 e le 110 Province. «Le nuove regioni sarebbero il risultato di un’aggregazione intercomunale – ha spiegato il presidente della Società Geografica Italiana, Sergio Conti – e non di un accorpamento delle province».
I geografi lo definiscono un disegno programmatico che trascende le consolidate suddivisioni amministrative provinciali e regionali: le nuove regioni dovrebbero essere il più possibile autosufficienti e ne deriverebbero, dunque, un risparmio di gestione e una semplificazione del quadro dell’erogazione di servizi.
Va detto, comunque, che la proposta della Società Geografica Italiana non ha alcun valore ufficiale e, in realtà, al momento il futuro esatto delle Province è ancora un mezzo mistero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.