Cronaca

Comocrea, qualità e innovazione per combattere la recessione

altTra i disegnatori tessili presenti a Villa Erba prevale l’ottimismo

 

Alberi, fiori e natura ma anche fumetti e motivi comici. Comocrea prova a scacciare la crisi con 30-40mila nuove idee, uniche e originali, capaci di stuzzicare la curiosità dei clienti. Già ieri, nella giornata inaugurale, la tradizionale rassegna dedicata al disegno tessile ha portato a Cernobbio buyer provenienti da ogni parte del mondo, nella maggior parte dei casi decisi a comprare più che a curiosare.
L’impressione, girando tra gli stand dei 24 espositori presenti nelle sale di Villa Erba – 12 italiani, 11 inglesi e un francese – è che prevalga la voglia di ottimismo. Gli operatori, come i clienti, non

nascondono certo le difficoltà del momento, ma il clima è comunque positivo. La rassegna, giunta alla 49ª edizione, proseguirà anche oggi, con apertura dalle 9 alle 16.30. A questo primo appuntamento del 2013 ne seguiranno, nell’arco dell’anno, altri due, a giugno e ottobre.
La voglia di futuro è materializzata anche dalla presenza dell’originale installazione realizzata dagli studenti del Setificio “Paolo Carcano” con la partecipazione dell’artista Afran. L’opera è l’insieme di 150 “mattoni” che nel prossimo futuro potranno trasformarsi in decorazioni tessili. È esposta in una delle sale di Villa Erba, tra gli stand dei disegnatori tessili, e non manca di suscitare grande curiosità.
«Comocrea è sempre stata e resta una vetrina internazionale importante, che alimenta il settore del disegno tessile – sottolinea Valerio Navarra, dello studio Avantgard – L’interesse c’è, anche se oggi i clienti che davvero hanno denaro a disposizione sono da ricercare in Arabia Saudita, Turchia, Brasile, India, Cina. Pur di trovare sbocchi su nuovi mercati, personalmente sono andato anche in Australia a cercare nuovi clienti».
Inevitabile un riferimento alla difficile situazione italiana. «Non so chi ci governerà – sottolinea Navarra – ma c’è urgenza di alleviare la pressione fiscale che soffoca le aziende. Bisogna ripartire dalla piccola e media impresa, aprire i rubinetti del credito e consentire una ripresa, altrimenti verremo comprati e diventeremo una costola cinese. Sarebbe un vero peccato».
La vicepresidente di Comocrea, Nicoletta Coppola, è indaffaratissima, ma trova il tempo per lanciare un messaggio di speranza. «La rassegna è partita bene – dice – I clienti hanno tanta voglia di fare cose nuove, di dare vita a un prodotto innovativo, bello e soprattutto ricco. Alla fine è questo che paga. Siamo creativi e i nostri clienti lo sono come noi. Dobbiamo fare cose che possano interessare il mercato estero e i Paesi emergenti. Il momento non è facile, questo è più che evidente – aggiunge Coppola – ma le buone aziende italiane stanno lavorando nonostante le difficoltà. Soprattutto i tessuti jacquard sono quelli che vanno per la maggiore. Speriamo che vada davvero bene».
«Stiamo lavorando molto bene, soprattutto con gli italiani ma anche con spagnoli e tedeschi – sottolinea Titti Gessaga, dello Studio Boggia di Como, prima di correre da un cliente – C’è voglia di stampa, di disegni, di ripresa. Ci chiedono soprattutto fiori, alberi, natura, elementi ornamentali o piccoli disegni geometrici».
La creatività si conferma l’arma vincente. «Speriamo in un inverno di ripresa – dice Davide Bellotti, Blue Studio e Atmosphere Studio – La clientela è divisa in due parti, ci sono quelli che riciclano i vecchi disegni e, a mio avviso, sbagliano e chi invece investe davvero, punta sulla novità. Questi ultimi poi vengono premiati dal mercato e vendono. Tra i motivi prevalgono fiori e geometrici, oltre ai disegni per pantaloni».
«Da quando ero una studentessa del Setificio visito mercatini dell’usato e colleziono pezzi di tessuto – afferma Adriana Albizzati – Creo patch che poi diventano abiti, tovaglie, borse, copriletti. Credo nella positività e nell’entusiasmo. Chi ha voglia di fare e lavora bene, con una grande apertura mentale, ce la fa».
I clienti confermano la volontà di fare acquisti e di investire denaro, a patto naturalmente di essere certi che sia ben speso. «Sono venuta per comprare e ho le idee molto chiare – dice Carla Nachtman, responsabile per la Germania della Stamperia Seride di Luisago – Cerco i disegni per l’inverno 2014-2015. Ho scelto motivi strani, diversi dal solito, comici, divertenti, manga e fumetti. C’è voglia di divertirsi. Da alcuni espositori trovo quello che cerco e in questi casi sono pronta a spendere. Per fare le cose belle bisogna spendere».

Anna Campaniello

Nella foto:
L’installazione realizzata per Comocrea dagli studenti del Setificio con la partecipazione dell’artista Afran (foto Fkd)
26 marzo 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto