Compagna e figlia richiuse in casa

Un 56enne dell'Oristanese accusato di maltrattamenti e sequestro

(ANSA) – ORISTANO, 31 DIC – Richiudeva la compagna e la figlia minorenne in casa serrando il portone d’ingresso con delle catene per impedire loro di uscire. Per almeno 10 anni la vita delle due donne è stata un insieme di soprusi e di limitazioni della libertà personale, quand’anche le botte che riservava alla sua compagna davanti alla ragazzina. Un 56enne residente nella provincia di Oristano è stato fermato dagli agenti della Polizia di Stato, su disposizione della Procura, perché accusato di maltrattamenti in famiglia e sequestro di persona ed è stato allontanato da casa e dal paese. Gli investigatori della seconda sezione della Squadra Mobile, che hanno portato avanti l’indagine, hanno scoperto che la donna, in più occasioni, aveva subito lesioni che però non aveva denunciato. Secondo gli inquirenti, l’uomo, spesso ubriaco, per anni l’avrebbe insultata pesantemente e anche minacciata di morte.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.