Confcooperative da Papa Francesco. Da Como e Varese 130 delegati alla cerimonia in Vaticano

Papa Francesco Confcooperative

Cooperatori e dirigenti di Confcooperative sono stati ricevuti in Vaticano da Papa Francesco. In rappresentanza di Confcooperative Insubria, hanno raggiunto Roma 130 persone, per metà provenienti da Como e per metà da Varese, appartenenti a 25 cooperative. L’evento è stato organizzato per il centenario di Confcooperative.
Nell’udienza in Sala Nervi il Pontefice ha sottolineato: «La vostra storia è preziosa perché nasce dall’aver preso sul serio le parole del Papa e dall’averle rese concrete attraverso un serio e generoso impegno che dura da un secolo. È un forte segno di speranza quando la dottrina sociale della Chiesa non rimane una parola morta o un discorso astratto, ma diventa vita grazie a uomini e donne di buona volontà, che le danno carne e concretezza, trasformandola in gesti personali e sociali, concreti, visibili e utili».
«Il vostro modello cooperativo, proprio perché ispirato alla dottrina sociale della Chiesa – ha aggiunto Papa Francesco – corregge certe tendenze proprie del collettivismo e dello statalismo, che a volte sono letali nei confronti dell’iniziativa dei privati; e allo stesso tempo, frena le tentazioni dell’individualismo e dell’egoismo proprie del liberalismo. Infatti, mentre l’impresa capitalistica mira principalmente al profitto, l’impresa cooperativa ha come scopo primario l’equilibrata e proporzionata soddisfazione dei bisogni sociali».
Il Pontefice ha inoltre sottolineato: «Certamente anche la cooperativa deve mirare a produrre l’utile, ad essere efficace ed efficiente nella sua attività economica, ma tutto questo senza perdere di vista la reciproca solidarietà».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.