Confesercenti attacca il Comune. A rischio i parcheggi del Mercato Coperto per la futura pista ciclabile
Cronaca

Confesercenti attacca il Comune. A rischio i parcheggi del Mercato Coperto per la futura pista ciclabile

Una pista ciclabile, progetto finanziato ai tempi della giunta Lucini, rischia di creare tensioni tra la giunta incarica e Confesercenti. Ma non solo. Questa maxi pista riservata alle due ruote che da Cernobbio dovrebbe arrivare fino a Camerlata, oltre a influire sui posti auto a ridosso del mercato coperto – ed è qui che si innesta la polemica con Confesercenti – sembrerebbe rallentare anche altri interventi viabilistici necessari per la città. In attesa di capire se e mai quest’opera si concretizzerà – il progetto è stato approvato nel novembre scorso dalla giunta Landriscina – sono sospesi alcuni lavori, come la messa in sicurezza dell’attrae di viale Masia dove in passato si sono verificati diversi incidenti. Ma sul fronte del mercato coperto lo scontro è già aperto. Confesercenti Como attacca frontalmente segnalando appunto l’esistenza di un progetto per la costruzione di una pista ciclabile che «cancellerà tutti i 180 posti auto dall’inizio di via Mentana fino a piazzale Montesanto di fronte alla ex caserma. È una follia di dimensioni galattiche. Molte attività del Mercato così rischiano la chiusura e con esse l’intera struttura», spiega Claudio Casartelli, presidente di Confesercenti. Sarebbe infatti già stata convocata la conferenza di servizi in merito alla pista ciclabile e dunque l’iter realizzativo sarebbe già avviato. «Sia il sindaco Lucini che l’attuale sindaco Landriscina durante la campagna elettorale avevano sostenuto e precisato che la pista ciclabile si sarebbe realizzata solo ed esclusivamente dopo la realizzazione di nuovi stalli di pari fruibilità in sostituzione di quelli eliminati – dice Casartelli – Ad oggi non abbiamo notizie di progetti esecutivi per la realizzazione dei parcheggi eliminati». Immediate le repliche da Palazzo Cernezzi. «Faremo di tutto affinché il Mercato Coperto, patrimonio della città di Como, non muoia così come gli altri esercizi commerciali», risponde l’assessore al Commercio di Palazzo Cernezzi, Marco Butti. «La pista ciclabile è un progetto che è stato finanziato nella precedente amministrazione e se non portata avanti rischiamo di perdere il finanziamento – aggiunge l’assessore Butti – È nostra intenzione cercare una soluzione che possa venire incontro alle esigenze di tutti gli attori coinvolti. Sì alla pista ciclabile purché non arrechi danno alle attività economiche». Il percorso della ciclabile «non è stato ancora confermato ma è oggetto di verifiche – commenta l’assessore alla Viabilità Vincenzo Bella – I due lotti prioritari per il Comune sono viale Masia e viale Montesanto. Confesercenti stia tranquilla, il Comune ha tutto l’interesse che il Mercato Coperto mantenga la sua vivacità e la sua accessibilità». Adesso bisognerà attendere gli sviluppi futuri.

19 ottobre 2018

Info Autore

Fabrizio

Fabrizio Barabesi fbarabesi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto