Confesercenti: «Ristoranti aperti a Pasqua». Confartigianato Benessere chiede i ristori

Secondo lockdown, negozi, attività commerciali, bar, ristoranti in centro storico a Como.

Ristoranti aperti a Pasqua. La richiesta arriva dal presidente di Confesercenti Como, Claudio Casartelli che ha scritto a tutti i senatori e onorevoli eletti nel Comasco, e per conoscenza ai consiglieri regionali, per chiedere, appunto che si possa trovare la via, ovviamente nel rispetto dei criteri di sicurezza, per consentire l’apertura dei ristoranti nell’imminente periodo pasquale.

«Come sappiamo tutti – argomenta il presidente Casartelli – da quando è iniziata un anno fa la gestione dell’emergenza ancora in atto, le chiusure di bar e ristoranti si sono ripetute più volte, impedendo al settore della ristorazione di risollevarsi dopo il primo lockdown». Questa la premessa a cui fa seguito la richiesta. «Chiediamo di valutare l’opportunità di garantire l’apertura in sicurezza dei ristoranti nel periodo pasquale nelle giornate di sabato 3 aprile, domenica di Pasqua (4 Aprile) e lunedì di Pasquetta, prescrivendo la prenotazione obbligatoria, l’accettazione dei soli nuclei familiari, l’apertura fino alle ore 23.00 e il permesso a percorrere il tragitto dall’abitazione al ristorante». Una misura del genere ovviamente non andrebbe a «precludere l’osservanza delle regole di sicurezza nella gestione dell’emergenza e, anche se non sarebbe risolutiva nel rilancio del settore della ristorazione, rappresenterebbe certo una importante boccata d’ossigeno per numerose imprese», è la conclusione del ragionamento di Claudio Casartelli.

Altro comparto in crisi è quello del Benessere. «Non possiamo che rassegnarci a questa ennesima chiusura totale – sottolinea Elisabetta Maccioni, presidente del settore Benessere di Confartigianato Como – e dimostrare grande responsabilità da parte degli operatori che si ritrovano a dover abbassare la saracinesca- Rimaniamo in attesa di ristori, che finora non sono stati sufficienti a coprire le ingenti perdite del settore».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.