Conservatore al Museo Giovio, il Comune lancia il bando

Reperti nella sala romana del Museo Giovio

Il Comune di Como cerca un conservatore per i beni archeologici cittadini, in palio un posto a tempo indeterminato al Museo Giovio di piazza Medaglie d’Oro. Il bando è sul sito di Palazzo Cernezzi. Il concorso è per soli esami. L’Amministrazione garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso e per il trattamento sul lavoro, nel rispetto delle norme vigenti. Queste le mansioni: il conservatore è responsabile della conservazione, della sicurezza, della gestione e della valorizzazione delle collezioni affidate, è il consegnatario delle collezioni e ne è responsabile nei confronti dell’ente proprietario, si occupa ed è responsabile delle attività di inventariazione e catalogazione delle collezioni assegnate secondo gli standard nazionali e regionali, di gestione e accesso al catalogo; effettua verifiche periodiche sulle collezioni e sullo stato di conservazione dei beni e
predispone piani di manutenzione ordinaria, di conservazione e di restauro, garantisce e gestisce le procedure per la consultazione dei beni e documenti afferenti le collezioni di propria pertinenza; elabora i criteri e i progetti di esposizione delle raccolte; si occupa della valorizzazione delle collezioni anche mediante convegni ed eventi collaterali connessi alle esposizioni temporanee e permanenti; cura la progettazione e la realizzazione di mostre temporanee del Museo; cura la progettazione e il coordinamento delle attività educative e didattiche e sovrintende agli interventi di realizzazione delle strutture e degli impianti necessari agli allestimenti negli spazi dell’area museale o al suo esterno. Per partecipare serve la laurea Specialistica in Archeologia (2/S) o Laurea Magistrale in Archeologia (LM2) conseguite con il nuovo ordinamento o il Diploma di Laurea in Lettere o in Conservazione dei Beni Culturali (DL) conseguito con
il vecchio ordinamento universitario, con specifico indirizzo in Archeologia. Per presentare domanda c’è tempo fino al 24 settembre. L’amministrazione si riserva di procedere allo svolgimento di una prova preselettiva qualora il
numero dei candidati superasse le 50 unità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.