Consiglieri leghisti a Carioni: «Via subito Polledrotti e Mojoli»

L’ultimatum posto durante una cena a Piazza Santo Stefano. Il presidente temporeggia
I “segreti” della politica, prima o poi, vengono a galla. L’ultimo in ordine di tempo, targato Lega Nord, ci ha messo una quindicina di giorni. Ma ieri, infine, è esploso nel più fragoroso dei modi. E, una volta tolto dalla “sordina” che alla questione era stata applicata dal presidente della Provincia, Leonardo Carioni, sempre poco incline a gestire casi spinosi a Villa Saporiti, rischia di crearsi il più classico dei patatrac.
La notizia, in sintesi, è questa: il gruppo consiliare della Lega Nord, sostanzialmente al gran completo, ha chiesto al numero uno di Villa Saporiti di cacciare dalla giunta gli assessori di Autonomia Comasca Ivano Polledrotti e Achille Mojoli. Di contro, Carioni avrebbe in un primo momento dato pubbliche rassicurazioni ai suoi consiglieri circa un provvedimento immediato in tal senso. Salvo poi – in privato, con i suoi assessori fedelissimi Mario Colombo e Pietro Cinquesanti – negare qualsiasi ipotesi di modifica dell’esecutivo.
Ma torniamo allo snodo centrale della vicenda. Per farlo, bisogna risalire alla sera del 28 ottobre scorso, venerdì. Cioè quando, dopo ripetute (e non sempre amichevoli) insistenze, i consiglieri provinciali del Carroccio al gran completo hanno organizzato una cena al ristorante “Della Torre” di Piazza Santo Stefano, sopra il centro di Cernobbio. In quella sede, per l’ennesima volta, il “plotone” padano ha ribadito l’ultimatum al suo presidente Leonardo Carioni: «I due assessori di Autonomia Comasca, Ivano Polledrotti e Achille Mojoli, devono lasciare subito la giunta provinciale».
I motivi? Curiosamente, gli stessi cavalcati dal Pdl la scorsa primavera, quando una prima ondata di proteste si abbattè sugli autonomisti. Ai quali, effettivamente, vennero poi drasticamente ridotte le deleghe (in numero e ancor più in peso politico).
Con il passare dei mesi, però, l’insofferenza per la permanenza nell’esecutivo di via Borgovico dei due autonomisti (con “vista” sul nascente terzo polo) si è trasferita sempre più dal Pdl alla Lega. Tanto che, a partire dal capogruppo-falco Giordano Minotti, le pressioni su Carioni per ridurre l’influenza di Mojoli e Polledrotti (e dei 6 consiglieri autonomisti) sull’esecutivo e, in generale, sugli equilibri della maggioranza, sono costantemente aumentate.
Il punto è che dopo il pronunciamento del 28 ottobre, i consiglieri leghisti si aspettavano un provvedimento drastico addirittura per il successivo 2 novembre.
Pare, addirittura, che lo stesso Carioni avesse garantito la revoca di Mojoli e Polledrotti entro quella data. Inutile dire che, al contrario, né il 2 novembre né i giorni successivi, il presidente ha adottato qualche provvedimento simile. L’effetto concreto di questo evidente temporeggiamento di Carioni (già ai tempi delle richieste del Pdl assai poco incline ad assecondare le richieste di cacciata degli autonomisti) è stato uno su tutti: aumentare ulteriormente il disagio dei suoi consiglieri e colleghi di partito, furibondi per lo stallo della situazione.
Cosa potrà accadere ora è difficile da dire. Di sicuro, i consiglieri padani non molleranno la presa. A decidere tutto sarà il grado di “resistenza” di Carioni.

Emanuele Caso

Nella foto:
I due assessori di Autonomia Comasca, Achille Mojoli (a sinistra) e Ivano Polledrotti, in una foto recente. Il Carroccio li vuole fuori dalla giunta

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.