Conti in rosso e pochi bambini. Il Comune getta la spugna e chiude l’asilo nido di Lora

Riduzione in vista anche per il personale a tempo determinato
La scure dei tagli si abbatte sui nidi comunali di Como. E la prima (e per ora unica) struttura a farne le spese è l’asilo di Lora. L’annuncio è arrivato ieri mattina direttamente dall’assessore alle Politiche educative, Anna Veronelli, insieme con la dirigente del settore, Franca Gualdoni. E se non si può parlare propriamente di un fulmine a ciel sereno – visto che il nido in questione era a rischio da almeno un biennio – di sicuro l’accelerazione del Comune ha un significato preciso. E cioè
che, anche per un servizio storico e di eccellenza come quello dei nidi, è definitivamente tramontata l’epoca del “tutto a tutti ad ogni costo”.
Per il caso di Lora, peraltro, i numeri parlano chiaro. Un primo macro-dato rende subito chiare le difficoltà in cui versava la struttura: dal 2007, su oltre 1.200 richieste complessive di iscrizione ai nidi del Comune di Como, soltanto 41 hanno interessato la sede di Lora. Veramente una miseria. Altro elemento: il nido in questione non ha sostanzialmente mai avuto una lista d’attesa, segno chiaro della scarsa “attrattività”. O comunque di una frequentazione ridotta veramente all’osso.
Venendo all’oggi, sui 30 posti disponibili in totale a Lora l’occupazione non è nemmeno troppo bassa, visto che i bambini iscritti (di età compresa tra zero e 3 anni) sono 25. Il vero neo, però, è un altro. Dei 25, infatti, soltanto 6 sono stati iscritti da famiglie effettivamente residenti nel quartiere (l’anno prossimo è stato calcolato che a Lora resterebbero soltanto 15 bambini, dei quali soltanto 8 della zona). Per quanto riguarda gli altri, uno addirittura proviene da fuori Como, mentre i restanti bambini sono stati “dirottati” a Lora un po’ da tutta la città. Il fenomeno è semplice: alla luce delle richieste decisamente più alte che si registrano per i nidi del centro città, con la concreta prospettiva per numerose famiglie di non poter iscrivere il figlio o comunque di doversi affidare alla buona sorte una volta entrati nelle liste d’attesa, ecco che il Comune propone praticamente sempre la soluzione-Lora. Che, peraltro, se è vero che in qualche caso è stata accettata dai genitori dei piccoli pur di iscrivere i figli al servizio, in tantissimi altri casi (la stragrande maggioranza) viene rifiutata. Da qui la costante difficoltà per l’amministrazione di far tornare i conti per il caso specifico. E la decisione di chiudere definitivamente la struttura, naturalmente alla fine dell’anno in corso che proseguirà regolarmente fino alla pausa estiva.
La decisione di chiudere il nido di Lora – per inciso, sede con uno sbilancio tra costi e introiti pari a circa 250mila euro nel 2010, ultimo dato complessivo disponibile – avrà riflessi anche sul personale. Nell’ambito della riduzione già attuata l’anno scorso del 25% per quanto riguarda i dipendenti con contratti a tempo determinato, quest’anno il Comune è intenzionato a seguire la stessa, dolorosa strada.

Emanuele Caso

Nella foto:
La sede dell’asilo nido di Lora. Alla fine dell’anno scolastico la struttura chiuderà. Possibile che, in seguito, venga gestita dai privati (Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.