Conti in rosso in Ticino. Il disavanzo preoccupa il Consiglio di Stato. Covid: spesi 21 milioni di franchi

Franchi svizzeri

In Canton Ticino la pandemia, con oltre 21 milioni di franchi di spese in più, contribuisce a mandare in rosso i conti, che presentano un disavanzo complessivo di oltre 156 milioni di franchi, pari a circa 145 milioni di euro. È quanto risulta dall’aggiornamento intermedio, al 30 giugno 2021, sull’andamento delle finanze cantonali. I dati, pubblicati dal Dipartimento delle finanze e dell’economia ticinese nei giorni scorsi, preoccupano il Consiglio di Stato, ovvero il governo del vicino cantone.
«Il cumulo di un importante disavanzo a bilancio, che a fine 2021 dovrebbe raggiungere 200 milioni di franchi e che peggiorerà ulteriormente con il disavanzo previsto nel preventivo 2022, è fonte di preoccupazione considerando che andrà riassorbito negli anni a venire e non disponendo il Cantone di riserve», sottolinea una nota del Dipartimento ticinese.
«Il Consiglio di Stato – si legge ancora nel comunicato – ribadisce la necessità di stabilire delle priorità per garantire una politica finanziaria sostenibile ed equilibrata nel medio periodo, permettendo così di mantenere la necessaria progettualità».
Come detto, l’aggiornamento di fine giugno ha determinato un disavanzo stimato di -156,1 milioni di franchi, in linea con l’ultimo preconsuntivo (-175,5 milioni). Tra i costi più elevati cui il Cantone deve far fronte figurano le spese per il personale amministrativo (496,6 milioni di franchi) e per i docenti (345,6 milioni).
Per quanto riguarda le entrate, grazie alle migliori stime sull’andamento del Pil ticinese relative al 2021, il Cantone ha previsto maggiori introiti fiscali, con un aumento di 30 milioni di franchi del gettito delle persone fisiche e di 18,5 di quello delle persone giuridiche.
Tornando alle spese, la variazione maggiore, in termini negativi, è dovuta all’emergenza sanitaria, che ha comportato – come detto – un aggravio di 21,1 milioni di franchi (12,7 dei quali coperti da rimborsi della Confederazione).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.