Contrabbando di beni di lusso sul confine

La dogana di Chiasso

Lo svizzero acquistava in Italia beni di lusso in regime di tax free e beneficiava dello sgravio dell’Iva. La merce poi veniva consegnata a un italiano che, recandosi oltreconfine per ritirarla, la reintroduceva nel Belpaese senza dichiararla.

I funzionari dell’Agenzia delle Dogane di Como hanno accertato, a carico di un residente in Italia, reati di contrabbando e di evasione dell’Iva all’importazione compiuti con l’aiuto di una persona residente in Ticino. Il periodo di riferimento va da aprile 2019 a febbraio 2020.

I beni erano articoli di pelletteria, accessori, abbigliamento e gioielli di marchi di lusso per un ammontare complessivo di 56.566 euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.