Controlli a tappeto per la movida, una sola multa

La polizia ha monitorato il centro di Como e il lungolago. Poche le irregolarità trovate
Controlli a tappeto nei locali della movida comasca. Nella notte tra venerdì e sabato, una decina di agenti di polizia hanno organizzato un’attività di monitoraggio generalizzata nell’area del centro e del lungolago, nelle zone maggiormente frequentate per la presenza di bar, pub e luoghi di ritrovo. I poliziotti hanno multato un gestore che non aveva esposto le tabelle alcolemiche e chiuso per alcune ore un locale per accertamenti.
Al piano straordinario di controllo hanno preso parte agenti della questura e della polizia di frontiera. Complessivamente, sono state identificate e controllate
una settantina di persone. Non sono state comminate sanzioni per la vendita di alcolici ai minori. Gli uomini delle forze dell’ordine hanno deciso di programmare l’attività straordinaria di monitoraggio anche alla luce delle forti polemiche per la regolamentazione della cosiddetta movida, ma anche per l’allarme legato all’abuso di alcol tra i giovanissimi. Nell’attività di monitoraggio, gli agenti hanno notificato un divieto di prosecuzione dell’attività, temporaneo e limitato alla nottata ed elevato una multa a un gestore che non aveva esposto la tabella alcolemica, violando un obbligo di legge. L’operazione potrebbe essere ripetuta anche in futuro per garantire sorveglianza e controllo nel momento clou della stagione estiva e quindi della presenza di persone nella zona del centro città e del lungolago. Nei fine settimana, i servizi di prevenzione cosiddetti “antistragi” sono ormai una costante.

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.