Controlli anti-Covid, 337 sanzioni. Sotto osservazione anche 992 negozi: solo 2 irregolarità

Militari Esercito controllo

Oltre 17mila persone controllate e oltre 300 sanzioni per spostamenti immotivati.
La prefettura di Como, che coordina i controlli delle forze dell’ordine per il rispetto delle norme per l’emergenza sanitaria, ha diffuso ieri il bilancio degli accertamenti effettuati sul territorio provinciale dal 25 aprile al primo maggio.
Ormai dall’8 marzo scorso, giorno del “lockdown”, i controlli sul Lario sono garantiti da polizia di Stato, carabinieri e finanzieri, oltre che dagli agenti delle polizie locali e dai militari dell’Esercito.
Negli ultimi sette giorni, le forze dell’ordine hanno controllato come detto 17.499 persone e hanno sanzionato 337 comportamenti non in linea con quanto previsto dalle restrizioni previste per limitare il contagio.
Le sanzioni vanno da 400 a 3mila euro, somma aumentata fino a un terzo in caso di utilizzo di un veicolo (in caso di recidiva, la sanzione raddoppia).
In 38 casi, gli agenti delle forze dell’ordine hanno riscontrato comportamenti più gravi, che costituivano un reato e sono quindi scattate le denunce penali. Sono stati controllati nel corso della settimana anche 992 negozi e attività lavorative e solo in due casi sono state riscontrate irregolarità, anch’esse sanzionate.
Intanto da domani scattano le nuove disposizioni sugli spostamenti.
«Sono consentiti soltanto quelli motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, ovvero per motivi di salute, e si considerano necessari gli spostamenti per incontrare congiunti purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento e vengano utilizzate le mascherine; in ogni caso, è vietato a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza, ovvero per motivi di salute», si legge nel decreto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.