Coppie di fatto, Rapinese chiede il registro

A Palazzo Cernezzi
Mentre a Palazzo Marino è iniziata ieri la maratona che porterà al voto sull’istituzione di un registro per le coppie di fatto a Milano, nel capoluogo lariano il consigliere comunale di Adesso Como prova ad avviare un iter speculare per quella che definisce la “famiglia di fatto”. Rapinese ha fatto protocollare, nei giorni scorsi, la richiesta e ieri ha invitato i colleghi consiglieri comunali a sottoscriverla. Affinché la proposta di delibera venga discussa in aula sono infatti necessarie
sette firme. Rapinese dovrebbe poter contare sull’altro consigliere di Adesso Como, Ada Mantovani, ma al suo appello mancherebbero altre cinque adesioni.
Ma torniamo al documento anticipato ieri alla stampa locale. Il consigliere di minoranza parte da due articoli della Costituzione sui diritti dei cittadini e da una sentenza della Corte Costituzionale per chiedere di istituire un elenco delle unioni civili all’ufficio di Stato civile o all’anagrafe di Palazzo Cernezzi. Rapinese chiede alla giunta di rivedere, entro l’anno, l’attuale regolamento anagrafico per eliminare “ogni forma di diseguaglianza e discriminazione”.
A Milano il dibattito è diventato rovente sul tema delle coppie omosessuali e del rischio poligamia, con la Curia in prima fila. Sul Lario potrebbe aprirsi ora un dibattito speculare.

Nella foto:
Potrebbe aprirsi anche a Palazzo Cernezzi la discussione sulle coppie di fatto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.